TwitterFacebookGoogle+

108– Il falso Jahvè. La scomparsa del quarantesimo libro della Bibbia 3

Secondo Genesi 17,7-8, Dio aveva scelto Abramo come padre della sua nazione e gli aveva promesso che tutta la sua discendenza avrebbe fatto parte del popolo eletto. Ma più avanti, in Genesi 28,13-15, è Giacobbe, figlio di Isacco e nipote di Abramo, a diventare il padre della nazione scelta da Dio. Esaù, suo fratello, il vero erede disegnato dal padre, a causa della tresca orditagli dalla madre Rebecca viene diseredato a livello divino, con tutti i suoi discendenti. Ciò in aperto contrasto con la promessa fatta da Dio ad Abramo che tutta la sua discendenza avrebbe partecipato all’elezione. E allora cosa c’entra Abramo come padre della nazione e la promessa fatta da Dio riferita a tutti i suoi discendenti? Non bastava far iniziare la genealogia da Giacobbe? Ma forse bisogna ammettere che Giosia, il re integralista che distrusse Bethel e tutti gli Alti Luoghi del vecchio Israele e che fece scrivere il Deuteronomio, oppure il sacerdote che si occupò della redazione di Genesi, abbiano inventato la storia del diseredamento di Esaù per ripudiare gli edomiti che custodivano Bethel e gli altri centri del culto come Teman.
Da Edom, infatti, discenderebbero gli edomiti. Secondo il Libro di Jashar, quando Giacobbe e i suoi si trasferiscono in Egitto, Edom e la sua famiglia rimase in Palestina sul monte Seir.
C’è un altro punto nella Bibbia in cui il nome di Jashar viene censurato: si tratta dell’episodio di Debora, una dei Giudici d’Israele nel periodo che seguì la conquista di Canaan. Il Cantico di Debora (Giudici 5,1-31), che può ben essere datato al XII secolo a.C., è uno dei canti più importanti della Bibbia e ci spiega che Debora e il suo generale Barak riuscirono ad unire alcune tribù israelite di fronte a un nemico comune (Giudici20).
La cosa strana è che in Giudici non viene chiarito come questa donna singolare arrivasse a rivestire una carica così importante. Nel Libro di Jashar, invece, troviamo la spiegazione: Debora era la figlia di Jashar e dopo la morte di Giosuè, avendo Jashar ripreso il comando dell’esercito, la nominò sua erede. Per le sue origini edomite e la sua parentela con Jashar, il cui libro risultava in netto contrasto col pensiero giudeo, la genealogia familiare di Debora fu cancellata dalla Bibbia ebraica. Ma qualche traccia di lei è rimasta:
“Quando muovevi dai monti di Seir, quando marciavi nella steppa di Edom, Signore, la terra tremò, il cielo si scosse, e le nubi si sciolsero in acqua. I monti si nascosero per paura del Signore, il Dio del Sinai, per paura del Signore, il Dio d’Israele […] Campagne abbandonate, non più contadini in Israele; poi sei comparsa tu, Debora” (Giudici 5,4-7).

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.