TwitterFacebookGoogle+

112– Il falso Jahvè. La Bibbia in controluce 4

Un’altra storia della Genesi di chiara origine babilonese è quella della torre di Babele . La vicenda è troppo nota per doverla raccontare, ma si presta ad alcune considerazioni. Anzitutto Babele, che vuoi dire “Porta di Dio”, era il nome ebraico per la città di Babilonia. Quindi la torre di Babele era una torre di Babilonia.
Probabilmente era quella fatta costruire dal re assiro Assarhaddon (ca. 681- 665 a.C.), quando occupò la città. Più che una costruzione si trattò della ricostruzione della ziggurat consacrata al Dio Marduk, che era rimasta in rovine per secoli a seguito di una serie di incidenti attribuiti alla collera del Dio. Le somiglianze con la torre di Babele sono fin troppo evidenti: il nome, l’interruzione della costruzione per i molteplici incidenti attribuiti dal popolo al Dio Marduk, l’ubicazione. Tutti gli studiosi, e anche molti biblisti, oggi riconoscono che il racconto si ispirava a quest’evento storico (Joan Oates., Babylon, pag. 143).
Nel racconto della Genesi, oltre a questi elementi mitologici ricavati da fonti babilonesi, vi sono chiare tracce di politeismo, cioè di ammissione dell’esistenza di diversi dèi. Forse gli scribi, estensori della Bibbia, non poterono eliminarle perché troppo conosciute dalla gente.
Secondo Genesi 3,5, il serpente del Giardino dell’Eden dice a Eva: “I vostri occhi si apriranno e sarete come gli dèi”. Usa il termine al plurale, non al singolare. E in un altro passo della Genesi si allude chiaramente ai figli di Dio paragonabili ai figli degli dèi della mitologia babilonese. Poco prima del tempo di Noè, “i figli di Dio videro le figlie degli uomini e videro che erano belle: e le presero in moglie” (Genesi 6,2). Perfino Dio stesso allude ad altri déi quando scopre che Adamo ha mangiato il frutto proibito: “Poi Dio, il Signore, disse: ecco, l’uomo è diventato come uno di noi”(Genesi 3,22). E volete sapere per quanto tempo Adamo ed Eva resistettero alla tentazione e si godettero tutte le delizie del Giardino Terrestre? Alcuni testi giudaici apocrifi (e fantasiosi) ce lo dicono con esattezza: ottant’anni, due mesi e diciassette giorni. Non possiamo dire che quello di Adamo ed Eva sia stato uno sconsiderato peccato di gioventù!
Da quanto sopra riferito appare incontestabile che gran parte della Genesi fu aggiunta alle scritture giudaiche durante o dopo l’esilio babilonese.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.