TwitterFacebookGoogle+

43– Il falso Jahvè. Il senso di colpa e il nazireato. 3

Durante la lunga permanenza nel deserto, e nello spirito della dedizione totale a Dio, nacque quella singolare istituzione, che perdura inconsapevolmente anche ai nostri giorni in taluni gruppi ebraici e del mondo islamico, che andava sotto il nome di “nazireato”.Il termine nazireato significa qualcosa come santità, purezza, elezione, e coloro che lo professano, i Nazirei, aspirano quindi ad una forma di santità che li separi dal resto della popolazione. Ecco come viene annunciato nella Bibbia:
“Quando un uomo, o una donna avrà fatto un voto speciale, cioè il voto di Nazireato, per consacrarsi al Signore, si astenga dal vino e dalle bevande fermentate; non beva aceto di vino, né altre bevande inebrianti; non beva alcun succo d’uva, né mangi uva, né fresca né secca. Per tutto il tempo del suo Nazireato non mangerà niente di ciò che produce la vite, non gli acini e neppure le bucce d’uva. Per tutta la durata del suo voto di Nazireato non passi rasoio sopra il suo capo; si consideri sacro fino a che non sia terminato il tempo per il quale si è votato al Signore e lasci crescere la chioma dei suoi capelli sul capo” (Numeri VI,2-5).
È singolare che anche ai nostri giorni il divieto di passare il rasoio sul capo, o per lo meno di usarlo il più raramente possibile consentendo alla barba e ai capelli di crescere fluentemente e anche in modo incolto, nonché il divieto di bere vino e alcolici, caratterizzino molti ortodossi di religione ebraica e islamica.
Un nazireo molto famoso fu Sansone, uno dei Giudici, cioè uno dei capi delle tribù d’Israele prima che queste fossero unificate dalla monarchia. La sua mitica storia, che richiama le gesta degli antichi eroi greci e che fu portata anche sugli schermi, era imperniata proprio sulla lunga chioma che, secondo il suo voto di nazireato, avrebbe dovuto rimanere perennemente intonsa, così da renderlo invincibile contro i filistei. Purtroppo dopo il taglio, perpetrato a tradimento dalla perfida Dalila, il voto venne infranto e Sansone finì prigioniero dei suoi nemici.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.