TwitterFacebookGoogle+

49– Il falso Jahvè. La conquista della Terra di Canaan. La guerra lampo. 1

Il libro di Giosuè racconta la storia della conquista della terra di Canaan come una campagna militare epica e fulminea che portò le tribù di Israele a sconfiggere i potenti re di Canaan e ad ereditarne le terre. È la storia delle vittorie di Jahvè, il Dio degli eserciti che combatte a fianco di Isaele, il suo popolo eletto, per annientare i pagani arroganti. È un susseguirsi di massacri e di carneficine inaudite, imposte da Jahvè contro i nemici vinti, con l’ordine categorico di non risparmiare nessuno degli idolatri, nemmeno le donne, i vecchi e i bambini. Una mostruosa epopea disumana e feroce che mette a nudo il volto “meschino, violento e assetato di sangue” (Freud) del sinaitico Dio tribale israelita, subentrato al Dio-Tutto di Akhenaton, che aveva comandato che Canaan fosse liberata da ogni traccia d’idolatria mediante lo sterminio totale dei suoi abitanti.
Ecco in rapida sequenza i genocidi perpetrati dagli Israeliti non appena si convinsero che “Jahvè stesso combatteva per Israele” (Giudici 10,14),e concedeva loro la sua totale protezione. Sciamarono nella terra di Canaan come barbari assetati di sangue e invasati da una missione divina. A Gerico non soltanto rasero al suolo la città, ma la saccheggiarono dei suoi tesori per adornare Bethel, la casa di Dio. (Giosuè 6,24). Quindi si spostarono verso la città di Ay, dove sistematicamente sterminarono tutti coloro che trovarono entro le sue mura.
“Quel giorno fu sterminata tutta la popolazione di Ay, uomini e donne: circa dodicimila persone. Giosuè aveva sempre tenuto la lancia puntata verso Ay. Smise soltanto quando tutti gli abitanti della città furono uccisi. Come il Signore aveva ordinato a Giosuè, gli israeliti si impadronirono del bottino e del bestiame” (Giosuè 8,25-27).
Poi avanzarono verso nord fino a raggiungere Makkeda.
“Quello stesso giorno Giosuè attaccò la città di Makkeda e la conquistò. Sterminò tutti gli abitanti e non risparmiò nessuno. Trattò il re di Makkeda come il re di Gerico” (Giosuè 10,28).
Proseguendo la sua marcia Giosuè attaccò successivamente la città di Azor.
Poi Giosuè tornò indietro. Conquistò la città di Azor e uccise il suo re. A quel tempo Azor era la capitale di tutti quei regni. Giosuè destinò la città allo sterminio: uccise tutti i suoi abitanti senza risparmiarne nemmeno uno. Poi la incendiò. Infine Giosuè conquistò le altre città. Sterminò i loro re” (Giosuè 11,10-12).

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.