TwitterFacebookGoogle+

74– Il falso Jahvè. Lo scisma e la nascita dei regni di Giuda e di Israele 5

La Bibbia è la versione giudea degli avvenimenti, cioè della parte vincente. E come si sa, la storia è sempre scritta dai vincitori. Se fosse sopravvissuto il Regno d’Israele e avesse compilato l’Antico Testamento, probabilmente avremmo una versione completamente opposta dei fatti.
Ciò premesso, di che cosa il Regno d’Israele veniva accusato dai giudei? Fondamentalmente, di avere sostituito il culto di Jahvè con quello del Dio Baal. Tradizionalmente i biblisti interpretano Baal come una divinità fenicia, introdotta intorno all’870 a.C. in Israele dalla moglie fenicia di re Acab, Gezabele, (D. Williams, New Concise Bible Dictionary, pag. 47). Il riferimento diretto al culto di Baal collegato al Regno d’Israele lo troviamo nel Libro Primo dei Re:
“Commise [Acab] più colpe di Geroboamo, figlio di Nebat. Sposò Gezabele […] adorò il Dio Baal, si inchinò davanti a lui” (I Re 16,31).
In realtà non fu Gezabele a introdurre in Israele il culto di Baal, ma lo stesso Geroboamo, come ricaviamo dalla Bibbia, che ogni qualvolta descrive un re che segue questo culto recita testualmente: “seguendo le orme di Geroboamo”. Nonostante le affermazioni dei biblisti, l’archeologia non ha mai portato alla luce alcuna testimonianza che i fenici avessero avuto un Dio chiamato Baal. I fenici veneravano tutto un pantheon di divinità, ma in nessuna delle loro iscrizioni o dei loro testi, che sopravvivono numerosi, troviamo che si parli di un Dio con questo nome, o con un nome simile.
E allora? Baal non è un termine fenicio, bensì ebraico. Significa “signore” ed è molto usato nella Bibbia sia riferito ai nomi di persona, come Baal-Hanan (Signor Hanan, un re di Edom), sia nei toponimi. Un esempio: Beth-Baal-Meon la “casa del signore Meon”. Baal, cioè “signore” non era un nome proprio ma soltanto un titolo onorifico riferito alle persone importanti e soprattutto alla divinità. (Francis Brown, Hebrew and the English Lexicon of the Old Testament).
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.