TwitterFacebookGoogle+

78– Il falso Jahvè. Lo scisma e la nascita dei regni di Giuda e di Israele 9

Si può pertanto affermare che al tempo di Ezechia i giudei erano arrivati a vedere un simile oggetto come un’immagine proibita dal secondo comandamento, ma per Mosè, il gran legislatore in persona, non era stato così. La realizzazione del bastone con il serpente, durante la peregrinazione nel deserto, è descritto nel Libro dei Numeri:
“Allora il Signore disse a Mosè: «Fa’ un serpente di metallo e fissalo in cima a una pertica» […] Mosè fuse un serpente di bronzo e lo pose in cima a una pertica” […] (Numeri 21,8-9).
Parrebbe dunque che al tempo di Giosia i giudei avessero reso il secondo comandamento molto più rigido di quanto avesse originariamente indicato Mosè. Oltre al bastone con il serpente, Mosè impose anche di fissare le corna del toro ai due lati dell’altare dei sacrifici, come più tardi fecero i sacerdoti di Baal. Quindi, se gli autori dell’Antico Testamento ci danno l’impressione che il Regno d’Israele fosse una nazione di pagani, questo sembra dipendere dal fatto che al tempo in cui il testo fu compilato si erano sviluppate due interpretazioni diverse della religione ebraica.
Quali erano dunque gli idoli che i giudei rimproveravano agli israeliti? Effigi che rappresentavano Jahvè e antiche sacre reliquie. Quanto al nome Baal, sembra che in realtà fosse un antico titolo di Dio, prima che intervenisse il nome Jahvè; risalirebbe ad un periodo religioso più primitivo. Troviamo nel Libro di Osea, un profeta che predicava nel Regno d’Israele al tempo in cui fu conquistato dagli Assiri: “E quel giorno, disse il Signore, mi chiamerai Ishi, e non mi chiamerai più Baali (Baal)” (Osea 2,16).
Come mai a un certo punto il nome Baal fu severamente proibito nel Regno di Giuda? Probabilmente perché venne associato al nome del Dio filisteo Zebub.
Sembra infatti che alcuni israeliti, divenuti seguaci di questa divinità, cominciassero a chiamarla Baal-Zebub, “il Signore Zebub” da cui deriverebbe il nome del demonio Belzebù, usato nel Nuovo Testamento (2 Re 1,1-16).
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.