TwitterFacebookGoogle+

A Manchester concerto confermato. Ariana: battiamo la paura

Si è temuto che l’attacco terroristico di Londra, costato la vita ieri sera a sette persone, potesse indurre Ariana Grande e gli organizzatori del concerto ‘One love’ a soprassedere. A rinunciare, visto il nuovo, terribile allarme dopo la strage al London Bridge. Invece no. A tredici giorni dall’attentato rivendicato dall’Isis all’Arena (22 morti, 120 feriti), la Grande e un manipolo di star del rock e del pop mondiale entreranno stasera all’Old Trafford Cricket Ground, lo stadio ovale poco distante dal più famoso Old Trafford, tempio del calcio inglese dove gioca il Manchester United di Ibra e Mourinho. Sono previsti 50 mila spettatori e la polizia inglese sta allestendo un ‘anello di acciaio’, un cordone di protezione e sicurezza senza precedenti nel Regno Unito. Centinaia di agenti che si dedicheranno alla perquisizione degli spettatori prima dell’ingresso nell’impianto.

#OneLoveManchesterhttps://t.co/tW93fZN9sw pic.twitter.com/AxPMRZH7IF

— Ariana Grande (@ArianaGrande) 4 giugno 2017

Lo show mira a raccogliere fondi per le famiglie delle vittime del 22 maggio e vedrà la partecipazione, oltre alla cantante di Boca Raton, anche quella dei Coldplay, di Justin Bieber, di Katy Perry, di Miley Cyrus, di Robbie Williams, dei Black Eyed Peas, di Usher, di Pharrell Williams, dell’ex One Direction Niall Horan, delle Little Mix e dei Take That. Lo show avrà inizio alle 19 locali (le 20 italiane) e sarà trasmesso in diretta dalla Bbc in Gran Bretagna e da Rai1 e Rai4 in Italia con una personalizzazione pensata per i telespettatori italiani e il commento di Franco Di Mare e Andrea Delogu. Le tre ore previste di spettacolo andranno anche in live streaming sul canale YouTube ufficiale della Grande.

 

Oltre ai soldi che verranno raccolti con il concerto di oggi, va segnalato che la Universal Music Group, la casa discografica dell’artista americana, ha donato 500mila dollari al ‘We love Manchester Memorial Fund’, il fondo creato per assistere le famiglie delle vittime e i feriti del 22 maggio.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.