TwitterFacebookGoogle+

A Milano l'ultimo saluto a Dario Fo

Milano – Il feretro di Dario Fo è arrivato in Piazza Duomo, a Milano dove è in corso il funerale civile del ‘grande giullare’ Premio Nobel per la Letteratura, spentosi giovedì all’età di 90 anni. La camera ardente allestita nella Scatola magica del Teatro Strehler c’è stato un ultimo via vai silenzioso di milanesi che volevano dare l’ultimo saluto al premio Nobel per la Letteratura. Tra di loro anche il sindaco pentastellato di Torino, Chiara Appendino, e gli scrittori Roberto Saviano e Stefano Benni che, scherzando, hanno assicurato che andrà “ogni giorno in tv al posto suo”. Alle 11 il feretro è stato accompagnato in processione in piazza Duomo per la cerimonia laica, con l’orazione civile di Carlo Petrini e del figlio Jacopo.

Un ricordo affettuoso di Fo è stato tracciato da Saviano: “Quando ha vinto il Nobel mezzo Paese, per invidia o per dileggio ha cercato di sminuirlo. E’ un Paese ingrato, ma c’è anche una parte autentica che lo ha sempre protetto e ascoltato”. “Ricordo”, ha aggounto lo scrittore finito nel mirino della camorra, “una persona che mi ha sostenuto nei momenti complicati e vengo ad omaggiare soprattutto questo per riconoscergli di esserci stato”. Dario “mi ha insegnato a non essere mai cortigiano, e a divertirsi nell’essere critici e a non prendersi mai sul serio”, ha insistito Saviano, “ha avuto sempre il coraggio, questa cosa preziosa e rara, di prendere posizione e di esserci sempre. E questo lo ha portato a stare vicino agli ultimi”. “I suoi sms mi mancheranno molto”, ha concluso, “me li mandava dopo ogni apparizione televisiva, perche’ sapeva che ero insicuro”. 

Per oggi, il sindaco Beppe Sala ha deciso di proclamare il lutto cittadino come “gesto di vicinanza e affetto da parte dell’amministrazione e di tutta Milano”, un tentativo anche di ricucire un legame con la memoria dell’artista che in vita ha spesso avuto un rapporto contrastato con la sua città d’adozione (era originario della provincia di Varese). (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.