TwitterFacebookGoogle+

A Phoenix voli annullati per il troppo caldo

Troppo caldo per volare: a Phoenix, in Arizona, sono stati cancellati una cinquantina di voli a causa di una temperatura al suolo che ha sfiorato i 50 gradi, oltre il limiti massimo consentito per l’operatività di molti aerei.  American Airlines ha annunciato la cancellazione di decine di voli dall’aeroporto Sky Harbor nelle ore più calde del giorno, tra le 15 e le 18. La maggior parte delle cancellazioni ha riguardato i bimotori Bombardier CRJ, utilizzati su tratte a medio raggio, che hanno una temperatura massima per operare di 48 gradi. I Boeing e gli Airbus possono decollare fino a 52-53 gradi. Il record assoluto di temperatura per Phoenix è di 50 gradi, registrati il 26 giugno 1990.

Quando la temperatura si fa rovente, l’aria diventa rarefatta, ha una densità più bassa e questo riduce la forza di portanza generata dalle ali, necessaria a sostenere gli aerei, in particolare in fase di decollo. Questo impone a temperature particolarmente elevate di ridurre il carico degli aerei (meno passeggeri e meno bagagli) o di predisporre piste più lunghe per il decollo. Già un rapporto del 2016 della International Civil Aviation Organization (Icao) ha avvertito che i cambiamenti climatici e l’innalzamento delle temperature avranno “gravi conseguenze sulle performance degli aerei in fase di decollo”. Non a caso molti Paesi mediorientali e anche alcuni aeroporti in alta quota dell’America latina fanno partire i voli intercontinentali la sera, quando le temperature si abbassano.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.