TwitterFacebookGoogle+

A3 senza cantieri, Renzi inaugura il Viadotto Italia

Laino Castello (Cosenza) – “L’Italia è più grande di chi vorrebbe fermarla e l’autostrada Salerno-Reggio Calabria è il simbolo che se tutti insieme lavoriamo nella stessa direzione alla fine i risultati parlano”: questo il messaggio lanciato da Matteo Renzi  intervenendo alla cerimonia di apertura del Viadotto Italia, sulla A3, nel tratto in provincia di Cosenza compreso tra Laino Borgo e Laino Castello. “Un anno fa”, ha ricordato il premier, “la discussione sul Mezzogiorno era tutta in negativo, oggi vediamo i primi dati che comunque non ci bastano perche’ vediamo quanto sono alti i dati della disoccupazione giovanile e quelli sulla necessita’ di infrastrutture, per i quali abbiamo previsto un piano da 12,8 miliardi nel piano pluriennale per il Mezzogiorno, ma quello che serve adesso e’ che ci credano i cittadini e le cittadine del Sud”. 

Quella del 2016 è la prima estate senza cantieri sulla Salerno-Reggio, con l’apertura al traffico di quasi tutto l’ultimo tratto in costruzione dell’autostrada A3, di oltre 20 chilometri tra Laino Borgo e Campotenese in Calabria, in cui rientra anche il Viadotto Italia. La A3, per la prima volta nella sua storia, diventa così percorribile senza deviazioni per l’intera estensione di 443 chilometri, sia in direzione Nord che in direzione Sud (su tre corsie per senso di marcia nel tratto compreso tra Salerno e Sicignano degli Alburni e due corsie per senso di marcia fino a Reggio Calabria).

“Da oggi, per la prima volta dalla sua realizzazione, la Salerno-Reggio Calabria è percorribile senza cantieri. E presto l’opera sarà conclusa”, ha promesso, anche su Twitter, Renzi. “Quando siamo partiti ridevano di noi, il 22 dicembre percorreremo questa infrastruttura da Salerno a Reggio Calabria con Delrio, andremo piano, la scorta se vuole segue”. Per il premier in l’Italia “nessuna impresa è impossibile”, ma questo non vuol dire che sono tutte rose e fiori. “Mi accusano di fare sempre il racconto in positivo, di raccontare solo le cose belle. Non è così”, ha puntualizzato Renzi, “non siamo quelli che raccontano il mondo tutto a colori, ma siamo convinti che anche di fronte ai probemi l’Italia è in condizione di affrontare i problemi e di superare i limiti”.

Renzi è tornato sul tema a lui caro dei gufi: “C’è una parte di italiani che spera che le cose vadano male, per aggiungere un elemento di contestazione”, ha lamentato prendendosela soprattutto con alcuni settori della politica. “Poi c’è la maggioranza degli italiani che tutte le sante mattine si svegliano, si spaccano la schiena, sperano che il Paese vada meglio e fanno la loro parte perché sia così. A quest’Italia qui”, ha aggiunto il premier, “dico che questa autostrada è un simbolo: come l’Expo, come la Variante di Valico. Ogni giorno qualcuno vi dirà che non ce la si fa, e noi tutti i giorni dimostreremo che invece si può fare. Più forti di quelli che sanno solo dire che non ce la si farà”.

Renzi ha rivolto un pensiero a Adrian Miholca, l’operaio morto il 2 marzo 2015 nel crollo di una campata del vecchio tracciato del viadotto Italia: “L’impegno per garantire il massimo della sicurezza è stato profuso anche nel suo nome”, ha assicurato.

“Questa autostrada è stato uno degli elementi di blocco per il turismo nel Mezzogiorno”, ha ricordato il premier, “fare un grande piano per il turismo nel Paese passerà anche naturalmente dalla possibilità che sia lo stato a gestire la promozione all’estero e non le regioni, e questo è uno dei punti del referendum costituzionale. Ma passerà anche da questa infrastruttura, che sarà tecnologicamente all’avanguardia e che permetterà una velocità di spostamento. È una rivoluzione per il turismo: accanto all’accoglienza, elemento fondamentale è l’accessibilità”. Il premier ha poi sottolineato che sono stati investiti “12,8 miliardi nel piano pluriennale per il Mezzogiorno. Ma serve che ci credano le cittadine e i cittadini del Sud”. (AGI)

 

 

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.