TwitterFacebookGoogle+

Abbattuta l'orsa KJ2, lacrime e rabbia su Internet

E’ incandescente la polemica sui social network per l’uccisione dell’orsa KJ2 in Trentino dove il 22 luglio aveva aggredito nel bosco un uomo e il suo cane.

 

Era stata aggredita nel suo ambiente. Si è difesa. E’ stata uccisa #Kj2, E voi siete assassini della peggior specie https://t.co/87x9KTDZ6r

— Andrea Oleandri (@AndreaOleandri) 13 agosto 2017

 

Il presidente della provincia autonoma Ugo Rossi è convinto di aver agito per il meglio, nell’intento di garantire la sicurezza delle persone.

Il presidente Rossi: “Siamo tranquilli, in scienza e coscienza, di aver fatto ciò che era necessario fare” #orsauccisa #Kj2

— paolo mantovan (@paolomantovan) 13 agosto 2017

 

Ma non manca chi gli augura che questa decisione gli costi la carriera.

 

Spero che questo atto costi la carriera politica al presidente #Rossi#Trentino, uccisa l’#orsa #KJ2https://t.co/1P6jOqa3nn

— irene benassi (@irenben1) 13 agosto 2017

 

Questo non basta a giustificare l’assurda e vile scelta di uccidere la loro madre. #KJ2 #trentino #orsa #Rossi https://t.co/kwmxCbCAVR

— irene benassi (@irenben1) 13 agosto 2017

Il presidente della Lav, Gianluca Felicetti, è furioso e su Twitter annuncia una denuncia contro Rossi

 

Da ergastolo a pena di morte.Li avete reintrodotti voi con soldi pubblici e ora li uccidete.Vi denunciamo per uccisione senza necessità #KJ2 https://t.co/wrgGQSe2IB

— Gianluca Felicetti (@glfelicetti) 13 agosto 2017

Boicottare il Trentino

L’Ente protezione animali invita al boicottaggio del Trentino: “è stato toccato il punto più basso sulla tutela degli animali, una sconfitta per il mondo scientifico e politico, totalmente incapace e sordo, o spinto da altri interessi nel promuovere le uccisioni di animali che in Trentino sono ostaggio di politiche cruente e crudeli, finanziate anche cospicuamente dalle tasse dei contribuenti italiani, che pagano profumatamente politici senza competenze e capacità di soluzioni. Tanto basta perché i cittadini decidano di non recarsi più in Trentino né acquistare alcun prodotto di quella terra, avvelenata dall’intolleranza verso gli animali, dalla malapolitica, e anche, oltretutto, inquinata”.

L’ordinanza

L’orsa KJ2 ritenuta pericolosa è stata abbattuta dagli agenti del Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento in ottemperanza dell’ordinanza emessa dal presidente della Provincia per garantire la sicurezza delle persone. Lo ha annunciato la Provincia autonoma di Trento.

 

#UCCISA #KJ2

UNA VERA E PROPRIA ESECUZIONE !! NON HANNO NEANCHE TENTATO DI CATTURARLA !! VERGOGNA !!! https://t.co/DOPty0pkyx

— LAV Modena (@lavmodena) 13 agosto 2017

 

L’abbattimento è stato possibile grazie alle precedenti attività di identificazione genetica e successiva cattura e radiocollarizzazione ai fini della riconoscibilità dell’animale.

Su La Zampa, la sezione della Stampa dedicata agli animali, c’è una ricostruzione degli ultimi giorni e della diffida della Lega Anti Vivisezione al presidente della provincia.

 

Abbattuta #orsa in trentino. Ordinanza del presidente @UgoGma che ovviamente avrà lo stesso coraggio rilasciandoci un’intervista https://t.co/hVKcFmJKI6

— Sabrina Giannini (@sabri_giannini) 13 agosto 2017

 

Senza parole: uccisa l’orsa #KJ2. https://t.co/uETt2Luq2x pic.twitter.com/KY3f9UR7Ch

— Mirko Busto (@MirkoBusto) 13 agosto 2017

 

Anche dalla politica arrivano le reazioni, come il tweet del portavoce M5s

 

Uccisa #orsa Kj2 da forestale del Trentino. Una scelta assurda fatta a ferragosto perché si scordi in fretta. #Kj2https://t.co/wW1TRMqkRA pic.twitter.com/am9kcg9bWd

— Ermanno Giudici (@IlPattoTradito) 13 agosto 2017

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.