TwitterFacebookGoogle+

Aborto: 10 miti da sfatare

Chiara Lalli –

L’Huffington Post elenca 10 miti intorno all’aborto (10 Abortion Myths That Need To Be Busted, 22 gennaio 2015). Sono passati 42 anni da Roe v. Wade, che ha reso legale interrompere la gravidanza. Negli anni seguenti i conservatori (cui piace chiamarsi pro-life e che sono invece no-choice) hanno tentato di tutto pur di restringere o eliminare del tutto questa possibilità. I mezzi sono universali e molti ci sono familiari. Il risultato, negli Stati Uniti, è che aumentano le difficoltà di accesso e di garanzia del servizio.

Il primo mito riguarda la pericolosità. Falso, è una procedura medica molto sicura, più sicura di partorire (pericolosa più o meno quanto una colonscopia). Il secondo l’aborto medico: non ancora sicuro, di nicchia, ovviamente pericoloso (indimenticabile kill pill): circa 1 donna su 5 vi fa ricorso. Qui è stato oggetto di una campagna intimidatoria.

Colorado contro l'aborto

Il terzo mito riguarda il pentimento: le donne si pentono e non può che essere così! Ma, di nuovo, il fantasma evapora appena si controllano i dati e le ricerche. La maggior parte delle donne non ha rimorsi e non cambia idea dopo aver abortito. Tra le più recenti armi conservatrici c’è il dolore del feto: no, non prima della 29esima-30esima settimana, perciò stabilire il limite alla 20esima è pretestuoso. Altri luoghi comuni riguardano la facilità di accesso (eterogenea e a volte molto complicata), la volontà della maggior parte delle persone di tornare alla illegalità, i numeri o il fatto che le donne sono più o meno obbligate perché non abortirebbero mai senza una costrizione. Tra i più comuni anche quello che una donna non abortirebbe mai se sapesse cosa vuol dire avere un figlio: peccato che molte ce l’hanno già un figlio (o più di un uno) e quindi il gioco del contrasto insanabile tra essere madre e essere una donna disgraziata perché si ricorre all’aborto si rompe dopo pochi minuti (tra il 2008 e il 2011 il 72% delle donne che hanno abortito avevano un figlio). Infine alzare i requisiti necessari per poter eseguire aborti ha in genere il solo effetto di fare chiudere le cliniche e non di garantire più sicurezza.

http://www.nextquotidiano.it/aborto-10-miti-sfatare/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.