TwitterFacebookGoogle+

Aborto: in Italia record obiettori, sono 2 medici su 3

Roma – In Italia oltre due medici su tre si rifiutano per motivi etici di effettuare interventi di aborto volontario. Questo il dato-choc su cui il Consiglio d’Europa ha puntato i riflettori sul nostro Paese, evidenziando come il ricorso all’aborto sia sempre piu’ difficile. Stando ai dati dell’ultima relazione del ministero della Salute risalente allo scorso novembre, si contano il 70 per cento degli obiettori tra i ginecologi, contro il 58,7% del 2005, un dato andato progressivamente crescendo in questi dieci anni per poi stabilizzarsi. Tra gli anestesisti la percentuale di obiettori e’ pari al 49,3%, mentre per il personale non medico si e’ osservato un forte incremento, con valori passati dal 38,6% del 2005 al 46,5% del 2013. Si osservano notevoli variazioni tra regioni: percentuali superiori all’80% tra i ginecologi sono presenti in 8 regioni, principalmente al sud. 93.3% in Molise, 92.9% nella PA di Bolzano, 90.2% in Basilicata, 87.6% in Sicilia, 86.1% in Puglia, 81.8% in Campania, 80.7% nel Lazio e in Abruzzo. Anche per gli anestesisti i valori piu’ elevati si osservano al sud (con un massimo di 79.2% in Sicilia, 77.2% in Calabria, 76.7% in Molise e 71.6% nel Lazio). Per il personale non medico i valori sono piu’ bassi e presentano una maggiore variabilita’, con un massimo di 89.9% in Molise e 85.2% in Sicilia. Secondo la legge 194 sull’aborto, “gli enti ospedalieri e le case di cura autorizzate sono tenuti in ogni caso ad assicurare l’espletamento delle procedure previste dall’art.7 e l’effettuazione degli interventi di interruzione della gravidanza richiesti secondo le modalita’ previste dagli articoli 5,7 e 8.” Il controllo e la garanzia che cio’ si verifichi e’ affidato alle Regioni. Comunque il personale deve ricordare che “L’obiezione di coscienza esonera il personale sanitario ed esercente le attivita’ ausiliarie dal compimento delle procedure e delle attivita’ specificatamente e necessariamente dirette a determinare l’interruzione della gravidanza, e non dall’assistenza antecedente e conseguente all’intervento” (art. 9 della Legge 194). (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.