TwitterFacebookGoogle+

Aborto: Papa, obiezione coscienza e' diritto da riconoscere

(AGI) – CdV, 28 set. – “Se a una persona non si permette di fare l’obiezione di coscienza, gli si nega un diritto”. Lo ha affermato Papa Francesco nel volo di ritorno da Philadelphia, rispondendo a una domanda sulla visita – a Washington – alle Piccole Sorelle dei Poveri, che si battono anche a livello giudiziario contro la riforma sanitaria di Obama. Secondo il Pontefice, “in ogni struttura giudiziaria deve entrare l’obiezione di coscienza, perche’ e’ un diritto umano. Altrimenti, finiamo nella selezione dei diritti: questo e’ un diritto di qualita’, questo no”. “Sosterrebbe anche i funzionari governativi che per obiezione di coscienza non portassero avanti le pratiche per i matrimoni gay?”, e’ stato chiesto allora a Bergoglio che ha replicato: “non posso avere in mente tutti i casi specifici, ma posso dire che l’obiezione di coscienza e’ un diritto. E’ un diritto umano: un funzionario di governo e’ una persona umana e ha quel diritto”. A proposito di obiezione di coscienza il Papa ha anche confidato: “Sempre mi ha commosso quando da ragazzo ho letto parecchie volte la Chanson de Roland, che descrive la scena dei maomettani in fila davanti al fonte battesimale o alla spada. Sappiamo che dovevano scegliere,non era loro permessa l’obiezione di coscienza”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.