TwitterFacebookGoogle+

Aborto: Papa, peccato grave ma va assolto

CdV – L’aborto è un “peccato grave” ma va assolto. E’ la rivoluzione annunciata da Papa Francesco che nella lettera apostolica “Misericordia et misera” concede “a tutti i sacerdoti, in forza del loro ministero, la facoltà di assolvere quanti hanno procurato peccato di aborto”. La decisione del pontefice è “perché nessun ostacolo si interponga tra la richiesta di riconciliazione e il perdono di Dio“.

Nella lettera apostolica, documento programmatico del Pontificato che indica le linee pastorali del post Giubileo, Francesco annuncia che: “Quanto avevo concesso limitatamente al periodo giubilare viene ora esteso nel tempo, nonostante qualsiasi cosa in contrario”. “Vorrei ribadire con tutte le mie forze – scrive Papa Francesco – che l’aborto è un grave peccato, perché pone fine a una vita innocente. Con altrettanta forza, tuttavia, posso e devo affermare che non esiste alcun peccato che la misericordia di Dio non possa raggiungere e distruggere quando trova un cuore pentito che chiede di riconciliarsi con il Padre”. “Ogni sacerdote pertanto – esorta il Papa – si faccia guida, sostegno e conforto nell’accompagnare i penitenti in questo cammino di speciale riconciliazione“. 

Appena ieri il Papa aveva definito l’aborto un “crimine orrendo perché spreca una vita solo per egoismo“. “Sono andato all’ospedale San Giovanni, al reparto maternità, e c’era una donna che piangeva, piangeva, piangeva davanti ai suoi due gemellini … piccolini, ma bellissimi: è morto il terzo. Erano tre, ma uno è morto” aveva detto Francesco in un’intervista a TV2000, “E piangeva per il figlio morto, mentre accarezzava questi due. Il dono della vita… E ho pensato all’abitudine di mandare via i bambini prima della nascita, questo crimine orrendo. Li mandano via perché è meglio così, perché sei più comodo, è una responsabilità grande, è un peccato gravissimo, no?” 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.