TwitterFacebookGoogle+

Abusi e maltrattamenti al Forteto: sì del Senato alla commissione d’inchiesta

Ok con unanimità per l’indagine parlamentare per fare luce sui fatti avvenuti nella comunità fiorentina. Il testo ora passa alla Camera

Con 165 sì l’Aula del Senato ha dato il via libera all’unanimità all’istituzione di una commissione d’inchiesta sui fatti accaduti nella comunità del Forteto di Vicchio (Firenze), dove per più di 30 anni sono stati accolti bambini e adolescenti e dove – secondo due sentenze di primo grado e di appello – sono stati commessi abusi e maltrattamenti. Trattandosi di una commissione bicamerale, composta da venti senatori e venti deputati, il testo passa alla Camera.

Fortemente voluta dalla senatrice del Movimento 5 Stelle Laura Bottici, la Commissione sarà dotata di specifici poteri ispettivi e dovrebbe, come si legge nella relazione, “accertare i fatti e le ragioni per cui le pubbliche amministrazioni e le autorità giudiziarie interessate, comprese quelle investite di poteri di vigilanza, abbiano proseguito ad accreditare come interlocutore istituzionale la comunità Il Forteto, anche a seguito di provvedimenti giudiziari riguardanti abusi sessuali e maltrattamenti riferiti a condotte all’interno della comunità”.

Il disegno di legge 2093 che proponeva l’istituzione della commissione di inchiesta è stato presentato quasi due anni fa, il 9 ottobre 2015, ma solo di recente è stata superata l’opposizione del Pd. La relatrice in aula è stata la senatrice democratica Rosaria Capacchione. La commissione dovrebbe avere la durata di un anno e questo rende abbastanza precario il suo destino, dato il possibile scioglimento anticipato delle Camere.

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2017/05/31/news/forteto_si_del_senato_per_la_commissione_d_inchiesta_sul_forteto-166915470/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.