TwitterFacebookGoogle+

Accadde oggi: i nazisti aprono il primo campo di sterminio

22 marzo

1933 – “Mercoledì 22 marzo 1933 verrà aperto nelle vicinanze di Dachau il primo campo di concentramento. Abbiamo preso questa decisione senza badare a considerazioni meschine, ma nella certezza di agire per la tranquillità del popolo e secondo il suo desiderio.
Questa è la notizia, firmata da Heinrich Himmler (Presidente della Polizia della città di Monaco), comparsa, con agghiacciante freddezza, il giorno prima su di un giornale locale.
Inizialmente il Campo di Concentramento di Dachau è un campo di lavoro, gestito dalle SS, e destinato a criminali comuni e agli oppositori politici della dittatura e, dopo l’annessione dell’Austria, agli ebrei deportati da quella nazione. Questo campo diventa il modello di base per tutti i futuri campi che verranno costruiti dai nazisti.
(Se continui a leggere in fondo potrai vedere un filmato con immagini del campo.)
Inizialmente venne costruito in una vecchia fabbrica di munizioni, e successivamente a partire dalcondizioni vita 1937 ampliato con la costruzione di nuove baracche, dell’edificio per l’economato e la trasformazione dei vecchi capannoni in officine. A ovest c’era la sede delle SS e l’edificio che ospitava il comando del campo. Per aiutare il servizio di sorveglianza ed evitare fughe, il campo venne cintato da un doppia rete di filo spinato ad alta tensione. In seguito per l’eliminazione dell’alto numero dei cadaveri furono aggiunti i forni crematori e furono installate anche le camere a gas, ma non vennero mai usate. I prigionieri in genere venivano stroncati dalla fatica, ma altri subirono l’inumana pena del bunker una prigione speciale dove i detenuti venivano rinchiusi anche per futili motivi. Qui venivano sperimentate e messe a punto le più crudeli tecniche di annientamento fisico e psichico; molti se non morivano prima venivano lasciati per mesi incatenati, alimentati solo con pane ed acqua oppure costretti a stare in piedi, dentro a celle di cm. 60 x 60, senza luce né aria. Altri detenuti furono oggetto di sperimentazioni mediche pseudo scientifiche.
Il campo di Dachau era stato progettato per ospitare circa 5.000 detenuti ma a partire dal 1942 il numero non scese mai al di sotto di 12.000: il grande aumento avvenne quando, nel 1938, iniziarono ad arrivare i primi ebrei tedeschi che si aggiunsero ai comunisti e ai dirigenti socialisti che arrivarono già nel 1933.
Il bilancio dei prigionieri è impressionante. Il totale dei detenuti passati a Dachau è di 210.000. Il numero dei morti è di 31.500.
Il campo fu liberato dalla fanteria USA il 29 aprile del 1945.

 

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.