TwitterFacebookGoogle+

Accadde oggi: la peste nera e il pogrom degli ebrei

 

9 gennaio copiaLa peste nera che si diffonde in Europa nel 1348 è nuovo motivo di persecuzione. Gli ebrei – già accusati dai cristiani di deicidio poiché la morte di Cristo sarebbe stata causata dal popolo ebraico – sono infatti incolpati di diffondere la malattia avvelenando i pozzi, rimanendone essi immuni. Se la prima accusa è falsa, la seconda nasce da un’osservazione probabilmente fondata. Gli ebrei vivono già raccolti e isolati in un’unica zona della città (il ghetto) e seguono, per motivi religiosi, particolari e rigorose norme alimentari ed igieniche. È possibile quindi che, proprio grazie a questi elementi, la pestilenza non trovi terreno fertile nelle loro comunità.

L’accusa che gli ebrei avvelenassero fonti e pozzi cominciò a circolare agli inizi del 1348: in Savoia alcuni ebrei, inquisiti, sotto tortura avevano ebrei2ovviamente ammesso questo reato. La loro confessione si diffuse rapidamente in tutta Europa, e scatenò un’ondata di violenze, soprattutto in Alsazia, in Svizzera e in Germania. Il 9 gennaio 1349, a Basilea, venne uccisa una parte degli ebrei che vi abitavano. (In fondo un breve filmato sulla peste)

Il consiglio cittadino della città aveva allontanato i più agitati tra quelli che istigavano alla violenza, ma la popolazione si rivoltò, costringendo gli amministratori a togliere il bando e a cacciare gli ebrei. Una parte di loro venne rinchiusa in un edificio su di un’isola sul Reno, cui poi venne dato fuoco. A Strasburgo il governo cittadino aveva tentato di proteggere gli ebrei3ebrei, ma venne esautorato dalle corporazioni. Il nuovo governo si mostrò tollerante verso l’annunciato massacro, che ebbe luogo nel febbraio 1349, quando la peste ancora non aveva raggiunto la città. Vennero uccisi 900 ebrei, sui 1884 residenti a Strasburgo.

Nel marzo 1349, 400 ebrei di Worms preferirono appiccare il fuoco alle loro case e morirvi che finire nelle mani della folla in rivolta. Lo stesso fecero in luglio agli ebrei di Francoforte. A Magonza gli ebrei si difesero, e uccisero 200 dei cittadini che li stavano attaccando. Ma alla fine anche a Magonza, che all’epoca era la più grande comunità ebraica d’Europa, gli ebrei si suicidarono incendiando le proprie case. I pogrom proseguirono sino alla fine del 1349. Gli ultimi ebbero luogo ad Anversa e Bruxelles. Quando la peste cessò, ben pochi ebrei erano rimasti in vita tra Germania e Paesi Bassi. Molti ebrei fuggono dal centro Europa e trovano rifugio anche nell’Italia settentrionale, in particolare nelle comunità di Venezia, Padova, Ferrara e Mantova. ebrei4

 

 

 

 

 

 

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.