TwitterFacebookGoogle+

Accadde oggi: muore Marylin Monroe

5 agosto b

1962 – L’attrice Marilyn Monroe, nome d’arte di Norma Jeane Baker, è trovata morta nella camera da letto della sua casa di Brentwood a Los Angeles, all’età di trentasei anni, a causa di un’overdose di barbiturici.
Scompare così tragicamente la più famosa icona del cinema anni sessanta. Il suo mito supera di gran lunga il pur apprezzato talento artistico di un’attrice sicuramente fuori del comune, un “sogno proibito” per milioni di appassionati di cinema. Il fascino che emanava dal grande schermo e dalle copertine in carta patinata ha contribuito a farne un sex symbol fuori da ogni tempo. (In fondo potrai vedere un filmato con foto riprese sul set della famosa sequenza della gonna svolazzante in “Quando la moglie è in vacanza” accompagnate da Marilyn che canta “I Wanna Be Loved By You” e in un secondo filmato la sequenza originale del film)
Marilyn Monroe nacque il 1° giugno 1926; la madre era una donna affetta da gravi disturbi mentali, che la costringevano a frequenti ricoveri in unmillionaireospedale psichiatrico. La piccola Norma, non ancora Marilyn, trascorse un’infanzia assai travagliata. La sofferenza per la sua infanzia, la miseria e le violenze subite da bambina, furono spesso ricordate dall’attrice e dai suoi biografi come il motivo primo della fragilità psicologica dell’attrice.
biondeNel 1953 con “Niagara“, al fianco di Joseph Cotten, ottiene il successo mondiale; nello stesso anno gira ancora “Come sposare un milionario” e “Gli uomini preferiscono le bionde“, con i quali si conferma una delle star più amate dal pubblico. Seguono clamorosi successi come “La magnifica preda” del 1954 e “Quando la moglie è in vacanza” in cui Billy Wilder le affida la parte della svampita inquilina del piano di sopra.
Nel 1954 Marilyn sposa il famoso giocatore di baseball, Joe Di Maggio, da cui divorzia nel giro di un anno. Il fallimento di questa relazione le lascia dentro una ferita profonda e incancellabile, la prima di una serie che saranno destinate ad allargare sempre di più la sua sensazione di sconforto e di sostanziale solitudine.
Conosce l’affermato commediografo, Arthur Miller, un intellettuale affascinante che poteva vantare la rappresentazione delle sue commedie inseven yeartutto il mondo (fra cui la celeberrima “Morte di un commesso viaggiatore“). E’ il colpo di fulmine e i due si sposano nel 1956.
L’anno successivo produce essa stessa “Il Principe e la ballerina” in cui è protagonista al fianco di Laurence Olivier; al botteghino la pellicola è un autentico fiasco. Come attrice, invece, si risolleva giusto due anni dopo con l’esilarante commedia, sempre del genio Billy Wilder, “A qualcuno piace caldo“. Anche in questo caso, il personaggio da lei interpretato si stampa indelebilmente nella mente degli spettatori.
La relazione con Miller, ad ogni modo, traballa. Nel 1962 Marilyn riceve il Golden Globe come migliore attrice: è la conferma mondiale delle sue capacità, un misto di carisma e di appeal. In questo periodo inizia la relazione segreta con il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy e con il fratello Robert.
somelikeithotHS5000Nel 1962 esce il suo ultimo film: “Gli spostati” scritto per lei dal marito Miller e nello stesso anno divorziano.
L’instabilità emotiva della diva si aggrava, forse proprio a causa delle altrettanto instabili storie d’amore in cui si getta. A causa dei continui ritardi, delle continue crisi isteriche, delle sbornie e dell’inaffidabilità viene licenziata dal set del film “Something got to give” e, un mese più tardi viene trovata morta, apparentemente suicida anche se molte voci hanno sempre sostenuto l’ipotesi dell’omicidio. Il mistero sulla sua morte, insomma, non è mai stato completamente svelato, ma ha sicuramente contribuito a fare entrare Marilyn nel mito.

 

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.