TwitterFacebookGoogle+

Accadde oggi: muore Wilhelm Reich

3 novembre1957 – Muore a Lewisburg in Pennsylvania Wilhelm Reich, psichiatra austriaco e sociologo, allievo di Sigmund Freud. È proprio per le sue teorie sulla sessualità ed i suoi appelli pubblici per la liberazione dei costumi che Reich è passato alla storia ed è considerato unanimemente il “profeta” della “rivoluzione sessuale” che scosse l’Europa tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta. Reich tende a “identificare” la salute psichica con la liberazione della sessualità.

Va ricordato il contesto storico e geografico in cui visse Reich: siamo all’inizio del XX secolo in una Europa continentale contadina e borghese, almeno trenta anni prima del movimento del 1968, quando per la prima volta nel mondo viene messa in dubbio l’etica sessuale in vigore nel mondo occidentale. Reich si affiancò al filone, ispirato anche da Freud e dalla sua teoria sui tabù, che spingeva al riconoscimento di una libertà sessuale primitiva di molti popoli “non civilizzati” in altre parti del pianeta; questa sessualità è vista come la sessualità naturale, priva di timori e falsa pudicizia. Passando sul piano “politico”, questa teoria da psicologica diventa sociologica e condanna la società dell’epoca, vista come borghese e oscurantista.
Reich riesce così a coniugare Marx e Freud, accusando la classe dominante di mantenere l’ordine sociale (e con esso la propria supremazia) reprimendo il libero manifestarsi dell’energia sessuale. La morale sessuale dominante nella società e nella famiglia si esplica in sostanza, tramite una struttura psichica che reprime le pulsioni sessuali, generando nevrosi e infelicità.
Pubblica le opere più importanti negli anni trenta: L’irruzione della morale sessuale coercitiva, La lotta sessuale dei giovani (1932), Analisi del carattere, La psicologia di massa del fascismo e La rivoluzione sessuale, il più noto e studiato.
In rotta con il partito comunista austriaco a cui era iscritto fin dal 1932, a causa della sua propaganda tra i giovani iscritti e per le posizioni propugnate nel saggio La psicologia di massa del fascismo (dove individua nel fascismo “l’espressione politicamente organizzata della struttura caratteriale umana media” in quanto costituisce “l’atteggiamento fondamentale dell’uomo autoritariamente represso dalla civiltà delle macchine“, Reich è anche bandito, nel 1934, dalla “Società psicoanalitica internazionale“, mentre già si trova a vagabondare per l’Europa per sottrarsi al nazismo oramai dilagante.
Reich ha in questo profondamente influenzato studiosi come Fromm e Marcuse, anch’essi accusati di simpatizzare per il comunismo, sebbene nel caso di Fromm si trattasse solo di una forte critica alla società consumistica e vuota statunitense, cui corrispondeva un’altrettanto forte critica dei regimi comunisti.

cloudbusterLe sue ricerche spaziarono in molti ambiti senza limitarsi al suo campo specifico di studi, quello della psichiatria. Nell’ultima parte della sua vita alcune ricerche da lui compiute lo portarono ad affermare di avere scoperto una nuova forma di energia, l’orgone. Reich ipotizzò che esistesse un dualismo tra materia ed energia e concepì l’orgone come un’energia basilare che avrebbe permeato l’universo: di conseguenza ritenne la sua teoria funzionalmente applicabili anche ad altri ambiti oltre che a quello psicologico, quali ad esempio la meteorologia e l’astronomia. A questo proposito arrivò a realizzaredelle strane apparecchiature quali gli “ORAC“, acronimo per “orgone accumulators“) e un altro dispositivo, che chiamò “cloudbuster” (acchiappanuvole), che, a suo dire, avrebbe potuto produrre o dissolvere le nuvole.
Queste teorie furono fortemente osteggiate dalla comunità scientifica in quanto mancanti di prove sperimentali e di un apparato teorico a sostegno. Subì una condanna a due anni di reclusione, per oltraggio della Corte; durante il processo Reich sostenne che la Corte americana non era qualificata per giudicare le sue teorie e morì in carcere d’infarto cardiaco.

Le opere di Reich hanno influenzato una generazione di intellettuali, tra cui scrittori come Saul Bellow, William S. Burroughs e Norman Mailer, filosofi come Paul Edwards, educatori come A. S. Neill, artisti come Yoko Ono.
Nel romanzo “Sulla strada” di Jack Kerouac il personaggio di Old Bull Lee (da identificare in W. S. Burroughs) esalta le proprietà dell’accumulatore di orgone.
Wilhelm Reich e le sue teorie sono utilizzate come base della trama nel romanzo fantastico “Il mistero dell’inquisitore Eymerich” dello scrittore italiano Valerio Evangelisti.
La cantante inglese Kate Bush ha scritto una canzone ispirata alla storia di Wilhelm Reich intitolata “Cloudbusting“, nel cui video si vede Donald Sutherland nella parte di Reich e la stessa Bush nella parte del suo giovane figlio, che ricorda l’arresto del padre mentre mette in opera la sua “macchina della pioggia“; il video si ispira al libro “A Book of Dreams“, una biografia di Reich scritta dal figlio.

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.