TwitterFacebookGoogle+

Accordo bilancio Ue, ma Italia si astiene 

Bruxelles – L’Unione europea ha un bilancio per il 2017. I ministri dei ventotto hanno raggiunto un accordo a tarda notte sulle dotazioni per il funzionamento dell’Ue per il prossimo anno. Una maratona negoziale dovuta anche alle resistenze dell’Italia.

Alla fine è stato deciso che per il prossimo anno si avranno tetti di 157,8 miliardi di euro in impegni (il totale delle spese che si pensa di poter affrontare) e 134,5 miliardi di euro in pagamenti (le risorse realmente disponibili). Più soldi per immigrazione (5,91 miliardi, +11,3% rispetto al 2016) e per l’occupazione (21,3 miliardi di impegni, +12%). Previsto inoltre un impegno di spesa da 500 milioni per l’iniziativa giovani, il programma di sostegno all’occupazione giovanile, e un impegno di spesa per 500 milioni a sostegno del settore latte.

La proposta di bilancio è stata approvata a maggioranza, con l’Italia che si è astenuta. E’ la prima volta che l’Italia non vota a favore del bilancio comunitario annuale. Anche se sono state recepite le richieste italiane di un incremento di risorse per i programmi Erasmus (mobilità degli studenti unversitari), Horizon 2020 (ricerca) e garanzia giovani e gli impegni complessi per 700 milioni, il governo ha criticato la riduzione degli incrementi delle risorse per i Paese mediterranei (332 milioni invece di 340) ed il rinvio del finanziamento del fondo per lo sviluppo sostenibile (250 milioni). 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.