TwitterFacebookGoogle+

Ad Amatrice crolla la scuola, "era antisismica"

 L’Aquila – La scuiola crollata ad Amatrice per una nuova scossa 24 ore dopo il terremoto era stata restaurata nel 2012, secondo le norme anti-sismiche, tre anni dopo il disastro dell’Aquila. A denunciarlo e’ Antonietta Centofanti, del Comitato Familiari Vittime Casa dello Studente, lo stabilie di via XX Settembre a L’Aquila nel quale, durante il sisma del sei aprile 2009, morirono 7 studenti e un giovane vigilante. La scuola ‘Romolo Capranica’, che ospitava materna, elementari e medie, era stata inaugurata il 13 settembre 2012 dopo un restauro a tempo di record.  “Qualcuno – afferma Centofanti – dovra’ spiegare il perche’ di questo crollo, una volta seppelliti i morti. Il dolore e la disperazione continueranno a lungo. Ma deve sopraggiungere anche la rabbia, perche’ se questa ennesima tragedia si fosse verificata il 24 settembre alle ore 9,00, anziche’ il 24 agosto, ore 3,36 noi avremmo perso diverse generazioni di ragazzi. I bambini di San Giuliano di Puglia, i ragazzi e le ragazze della Casa dello Studente e del Convitto Nazionale sono morti, e ancora una volta invano”.”Questo – accusa Centofanti – continua ad essere un paese che non ama e non protegge i propri figli, ma li uccide. Oggi – prosegue – ci commuoviamo davanti ai piccoli corpi estratti dalle macerie, ma non ci indigniamo per cio’ che avrebbe potuto accadere in un giorno di settembre dentro quella vergognosa costruzione, la Scuola ‘Romolo Capranica’. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.