TwitterFacebookGoogle+

Ad aprile inflazione a zero. La deflazione si ferma

(AGI) – Roma, 30 apr. – Fine della deflazioen ad aprile. Secondo le stime preliminari, l’indice dei prezzi al consumo aumenta dello 0,3% su base mensile e registra una variazione nulla rispetto ad aprile 2014 (era -0,1% a marzo). Secondo l’Istat, “la persistente stagnazione dell’inflazione sintetizza cambiamenti di ampiezza limitata registrati dalle dinamiche su base annua dei prezzi di alcune tipologie di prodotto quali i Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,9%, da +0,5% del mese precedente), i Beni energetici (-6,0%, da -6,5% di marzo), i Servizi relativi ai trasporti (-0,6%, da +0,5% di marzo)”. Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l'”inflazione di fondo” e’ stabile a +0,4% e al netto dei soli beni energetici e’ stazionaria a +0,6%. L’aumento su base mensile dell’indice generale e’ da ascrivere principalmente ai rialzi – su cui incidono fattori stagionali, quali le festivita’ pasquali – dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+1,3%) e dei Servizi relativi ai trasporti (+1,0%); a contenere l’aumento e’ la diminuzione dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (-1,9% per il Gas naturale e -0,8% per l’Energia elettrica). L’inflazione acquisita per il 2015 sale a +0,1% (da -0,1% di marzo). Rispetto ad aprile 2014, i prezzi dei beni fanno registrare un ulteriore ridimensionamento della flessione (-0,4%, da -0,6% di marzo) mentre il tasso di crescita dei prezzi dei servizi rallenta (+0,3%, da +0,5% del mese precedente). Di conseguenza, rispetto a marzo 2015 il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si riduce di quattro decimi di punto percentuale. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano una variazione congiunturale nulla e una crescita su base annua stabile allo 0,8%. Anche i prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto non variano su base mensile e fanno registrare un tasso tendenziale nullo (come a marzo). Secondo le stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) aumenta dello 0,5% su base mensile mentre, come a marzo, registra un tasso tendenziale nullo. Al rialzo mensile contribuisce anche il rientro definitivo dei saldi invernali dell’abbigliamento e calzature, di cui il nic non tiene conto. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.