TwitterFacebookGoogle+

Aiuta una giovane nomade, parroco ricattato e truffato per 180mila euro

20141009_pretege1.jpg.pagespeed.ce.-36nuIlZdw BOLZANO – Due nomadi di origini venete sono sotto processo a Bolzano con l’accusa di aver circuito e ricattato per 9 anni un parroco della val Pusteria, per una cifra complessiva di 180.000 euro. La vicenda è stata ricostruita in tribunale nel corso della prima udienza.

È stato sentito in qualità di testimone lo stesso sacerdote che ha raccontato di aver prestato soldi ad una giovane nomade dal 2003 al 2012 in quanto impietosito dalle sue storie di vita e dalla richiesta di aiuto economico. In un secondo tempo sarebbe entrato in scena anche il compagno ed il parroco sarebbe stato ricattato in quanto la donna si era accorta che il sacerdote per aiutarla si era impossessato anche delle riserve finanziarie della parrocchia.

Il sacerdote decise poi di sporgere querela in quanto sempre più pressato dai due. Al giudice ha riferito di aver perso complessivamente 180 mila euro.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.