TwitterFacebookGoogle+

Al repubblicano Pence il duello tv per la poltrona di vice

Washington – E’ stato il repubblicano Mike Pence a vincere il primo, ed unico, faccia a faccia tra i candidati alla vice presidenza degli Stati Uniti, secondo il sondaggio di Cnn/Orc realizzato subito dopo il dibattito. Pence e’ andato meglio per il 48% degli intervistati contro il 42% che si e’ dichiarato a favore del democratico Tim Kaine. Una piccola rivincita per Donald Trump, sfavorito negli ultimi sondaggi rispetto a Hillary Clinton. I numeri due si sono presentati sul palco della Longwood University, a Farmville, in Virginia, con cravatte “invertite” rispetto al colore del partito: rossa per Kaine e blu per Pence. Il senatore della Virginia, che giocava in casa, ha vigorosamente attaccato il rivale sulle piu’ controverse istanze portate avanti dal tycoon newyorchese. “Pensare a Donald Trump come comandante in capo ci spaventa a morte”, ha tuonato Kaine. “Non capisco come il governatore Pence possa difendere lo stile incentrato sugli insulti e sull’egocentrismo di Trump”, ha rincarato dopo aver ricordato che l’aspirante presidente ha messo in discussione la cittadinanza americana di Barack Obama e ha definito i messicani “stupratori”.

Kaine-Pence, ecco chi sono i candidati alla vicepresidenza

Pence sembra aver convinto con il suo stile pacato, mai sopra le righe: praticamente l’opposto di Trump. Ha caratterizzato come “brillante” il modo in cui il magnate del Real Estate ha saputo sfruttare le normative fiscali per pagare il meno possibile allo zio Sam. Rilanciando poi la proposta di tagliare le tasse e abolire l’Obamacare, ha tentato di convincere i conservatori scettici. E se Kaine ha accusato il ticket Gop di voler “punire” le donne che decidono di abortire, Pence ha definito “un anatema” il fatto “che possa essere tolta la vita ad un bimbo quasi nato”, smentendo di voler approvare provvedimenti contro chi fa “scelte strazianti”. La fede “non puo’ dettare la politica”, ha argomentato Kaine prima di contestare l’ammirazione per i dittatori e il presidente russo Vladimir Russo manifestata da Trump. Pence ha negato senza problemi l’evidenza. “Non lo abbiamo mai elogiato”, ha dichiarato, limitandosi a scuotere la testa prima di attaccare Hillary sulla guerra in Siria e l’accordo nucleare iraniano. Il dibattito e’ stato moderato dall’anchor della Cbs, Elaine Quijano. L’audience televisiva non era quella delle grandi occasioni, considerato il basso profilo e lo scarso appeal mediatico dei due candidati vice. Il primo dibattito tra Clinton e Trump e’ stato guardato da 84 milioni di persone. I fari sono tutti puntati sul prossimo faccia a faccia presidenziale, in calendario domenica 9 ottobre. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.