TwitterFacebookGoogle+

Alcune Regioni minacciano il ricorso alla Consulta contro il Governo sui vaccini

È scontro tra maggioranza e opposizioni sulla proroga dell’obbligo vaccinale, contenuto in un emendamento al dl milleproroghe, che dovrebbe essere approvato domani in Senato. Il segretario del Pd Maurizio Martina promette “ostruzionismo” in Parlamento ma qualora il provvedimento passasse e si riuscisse a farlo diventare legge prima della pausa estiva, le Regioni, in particolare quelle guidate dal centrosinistra, annunciano che non staranno a guardare e promettono iniziative.  Con leggi regionali. Ma anche con un ricorso alla Consulta.

Dopo le parole dell’assessore alla Sanità della Regione Piemonte e Coordinatore della Commissione Salute della conferenza delle Regioni Antonio Saitta il quale ha accennato all’ipotesi di un ricorso delle Regioni perché la Sanità “non è una materia esclusiva di competenza dello Stato”.

La governatrice dell’Umbria, Catiuscia Marini, scende in campo con un annuncio su Fb: “Noi non arretreremo in questa conquista di civiltà e non scambieremo la salute delle persone per quattro miseri voti di movimenti minoritari, oscurantisti, antiscientifici…”.

Anche Vincenzo De Luca, presidente della Campania:  “Esprimo la netta contrarietà al rinvio dell’obbligo sui vaccini, che rischia di determinare un danno enorme alla salute dei più fragili, e soprattutto di fare arretrare una battaglia che ci ha visti impegnati con determinazione per raggiungere obiettivi di sicurezza per i nostri bambini”.

Per il M5s non è stato fatto alcun passo indietro

I pentastellati sottolineano che l’obbligo dei vaccini comunque resta, anche qualora passasse la proroga. Il senatore del M5S Pino Pisani, medico e componente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama, spiega infatti che “non è stato fatto alcun passo indietro” ma “nessuno dovrebbe trascurare che la corretta informazione dei cittadini, causa non da poco del rifiuto dei vaccini, rappresenta una condizione ineludibile per ottenere la massima adesione alle pratiche sanitarie. Per tutte le pratiche, compresa quella dei vaccini“. “In un Paese civile e moderno, in conformità alle linee guida espresse dalla OMS – aggiunge – le pratiche più efficaci per l’adeguata tutela della salute non possano prescindere dalla corretta informazione e dalla consapevole partecipazione dei cittadini e che, pertanto, il ministro Grillo si stia muovendo nella giusta direzione”.

Il Pd insiste e ribadisce la sua contrarietà alla proroga: “Concedere ad una minoranza di genitori che sono contrari alle vaccinazioni la proroga per l’accesso alle scuole, rinviando al prossimo anno scolastico l’assolvimento dell’obbligo delle vaccinazioni, è l’ennesima scappatoia che dimostra come gli attuali governanti non hanno alcun interesse per la salute pubblica, né rispetto per la conoscenza scientifica e per le certezze che da essa derivano”, dicono i due consiglieri regionali in Umbria del Partito Democratico Carla Casciari e Giacomo Leonelli.

L’opposizione di Partito democratico e Forza Italia

Anche da Forza Italia viene espresso un netto rifiuto alla proroga. Gloria Saccani Jotti, deputata di Forza Italia, sostiene che “introdurre un significativo intervallo di tempo tra l’abolizione della norma di legge esistente che, oggettivamente, ha già determinato un significativo miglioramento della copertura vaccinale e quindi dello stato di salute della popolazione e nuove norme ancora da definire per quanto riguarda la loro l’efficacia, significa ignorare il sovraordinato dettato costituzionale secondo il quale la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed interesse della collettività”.

Più feroce la critica di Michele Anzaldi, deputato del Pd: “Di Maio e Salvini, se proprio vogliono continuare a prendere in giro gli italiani giochino con Tav, Tap, Flat Tax ma non con la vita dei bambini e delle persone più deboli e sfortunate. I leader di Lega e M5s sui vaccini giocano col fuoco e rischiano che alla prima disgrazia a essere sensibilizzati siano loro ma dalla magistratura”.

Ad ogni modo, il segretario Maurizio Martina promette ostruzionismo in Parlamento affinché la proroga non passi: “”Siamo pronti anche all’ostruzionismo in Parlamento se il governo, la Lega e i Cinque Stelle non faranno marcia indietro sul folle rinvio dell’obbligo dei vaccini per i bambini. Stiamo parlando della salute dei bambini e non si puo’ giocare con i rinvii”. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.