TwitterFacebookGoogle+

Alfano, "Italia Paese sicuro"

Roma – L’Italia è un Paese che “può essere considerato sicuro”, anche grazie a un sistema di prevenzione del terrorismo che “ha fin qui retto”: è l’orgogliosa rivendicazione del ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nel corso della consueta conferenza stampa di Ferragosto. Dalla riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza, ha spiegato Alfano, “e’ emerso uno stato della sicurezza del nostro Paese davvero positivo. Gli investimenti crescono, i reati calano, il sistema di prevenzione sull’anti-terrorismo ha fin qui retto, il contrasto alla criminalita’ organizzata ha dato risultati importanti”. “E’ un sistema”, ha assicurato il titolare del Viminale, “che in questo momento non ha niente da invidiare a nessun altro Paese al mondo. Grazie ai vertici delle forze dell’ordine, dell’Esercito e della protezione civile che hanno fatto si’ che il nostro Paese possa essere considerato sicuro”. 

Alla riunione, in cui si è parlato anche del “contrasto all’abusivismo, delle risorse su sicurezza e difesa, dell’afflusso di migranti, del soccorso pubblico”, hanno partecipato il viceministro Filippo Bubbico, il capo di gabinetto del ministro, i vertici delle forze dell’ordine e dei servizi di intelligence. Alfano ha avvertito che “nelle carceri italiane c’è il rischio di radicalizzazioni e noi abbiamo lavorato per ridurlo, con un programma di deradicalizzazione per evitare che il germe si impianti nelle carceri. Dobbiamo inoltre evitare che prendano contromisure”. Un’attività che, ha spiegato sempre Alfano, “sta dando i suoi frutti”.

 

Alfano ha voluto ringraziare i 47mila italiani in divisa “in campo a ferragosto per garantire la sicurezza nel nostro Paese”. (AGI)
 
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.