TwitterFacebookGoogle+

Alimentare: "Caseoart", premio all'eccellenza lattiero-casearia

(AGI) – Roma, 11 mar. – Si presenta come un’avvincente sfida tra i produttori italiani, ma al tempo stesso pure come una rassegna che coniuga arte culinaria, biodiversita’ e tradizione, esaltando una particolare abilita’, quella dei casari, che trova riscontro nell’inconfondibile gusto di un elemento di punta del patrimonio gastronomico del nostro Paese: “Sua Maesta’” il formaggio.
A colorare di bonta’ la suggestiva cornice del castello Bernabo’ Visconti di Pandino, il prossimo 20 marzo, sara’ infatti ancora una volta “CaseoArt”, il concorso nazionale organizzato da “Asso Casearia Pandino”, l’Associazione dei diplomati della scuola casearia della stessa localita’ cremonese, giunto quest’anno alla sua settima edizione.
Addentrarsi nelle bellezze della storica roccaforte di Pandino, sara’ un po’ come percorrere un’autentica autostrada dei sapori: i circa 300 formaggi in gara, tutti suddivisi in categorie e che comprendono quelli piu’ conosciuti (alcuni con tanto di marchio Dop in bella mostra come Grana Padano, Taleggio, Bitto, Bagos, ecc) e gli altri sperimentali, saranno infatti espressione delle diverse regioni italiane. Ciascuna con le sue peculiarita’, in termini di condizioni geo-economiche, colture agricole, allevamenti e tecnologie utilizzate, ma proprio per questo in grado di determinare un prodotto unico e di qualita’. Caratteristiche, proprie di un know how consolidato nel tempo, che saranno appunto valorizzate nell’ambito di CaseoArt, un concorso che culminera’ nell’assegnazione del “Trofeo San Lucio” al formaggio ritenuto eccellente sul piano tattile, visivo e gustativo, ed al suo tecnico-casaro produttore.
Nella giornata di sabato 19 avverra’, la prima selezione dei prodotti in gara, affidata all’esperienza dei tecnici caseari e dei rappresentanti Maestri Assaggiatori dell’ONAF, l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi. A partecipare alla competizione anche la Scuola Casearia di Pandino, un’eccellenza italiana che coniuga studio e formazione “sul campo” forgiando i casari del futuro.
Domenica 20, invece, e’ previsto il momento clou della kermesse rivolto al grande pubblico con la proclamazione del vincitore (che sara’ poi premiato il prossimo 1 maggio) da parte di una giuria qualificata, che comprendera’ pure alcuni noti giornalisti. Sempre domenica, all’interno del castello di Pandino, sara’ inoltre possibile visitare una mostra di formaggi Dop del territorio, custoditi all’interno di particolari teche, mentre i piu’ piccoli potranno essere condotti lungo un affascinante percorso sensoriale, che, attraverso suoni e significative immagini, declinera’ in maniera creativa ed emozionale le diverse fasi che caratterizzano il processo produttivo caseario: la terra, il foraggio, la mungitura, il burro ed il formaggio.
“CaseoArt” si propone di valorizzare un comparto lattiero-caseario che sta continuando a far registrare risultati lusinghieri per il Bel Paese. Nei primi sette mesi del 2015 le esportazioni si sono attestate infatti sul +8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con i formaggi italiani che dimostrano di riscuotere un certo appeal non piu’ soltanto all’interno del mercato comunitario, ma anche in Cina (+39% nel primo semestre 2015) e Stati Uniti (+18%).(AGI)
Bru

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.