TwitterFacebookGoogle+

Allarme Confcommercio: nel terziario perse 260 imprese al giorno

(AGI) – Roma, 22 dic. – Sono sempre piu’ numerose le imprese del terziario di mercato che cessano l’attivita’ rispetto alle nuove iscrizioni. Nei primi dieci mesi del 2014, il saldo tra aperture e chiusure e’ negativo di quasi 78mila unita’ e in leggero aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (-76.489). In media sono scomparse 260 imprese al giorno. Saldi negativi e in peggioramento si rilevano anche nei singoli comparti – commercio al dettaglio alimentare e non alimentare (-25.600), alloggio e ristorazione (-13.759), altre attivita’ di servizi (-26.272) – con l’unica eccezione del commercio ambulante che rispetto al 2013 registra una crescita del numero di imprese presentando un saldo positivo tra iscrizioni e cessazioni pari ad oltre 1.600 unita’. Il dato emerge dell’Osservatorio sulla demografia delle imprese realizzato dall’Ufficio Studi Confcommercio secondo cui alla base di queste dinamiche negative ci sono “il protrarsi della recessione e la crisi dei consumi delle famiglie i cui effetti si sono esplicati indistintamente sull’intero territorio nazionale con saldi negativi in tutte le regioni e una riduzione particolarmente consistente al Sud”. In particolare, l’Osservatorio ha registrato nel periodo gennaio-ottobre 2014, un numero piu’ elevato di cessazioni (178.106) rispetto alle iscrizioni (100.232) determinando un saldo negativo di 77.874 imprese. “La persistente debolezza della spesa per consumi”, rileva Confcommercio, “continua non solo a rendere difficile lo svolgimento dell’attivita’ aziendale per molte imprese del settore, ma tende anche a frenare e ridurre le nuove iniziative imprenditoriali”. All’interno dell’aggregato solo il commercio di auto e moto e il commercio al dettaglio hanno registrato, rispetto ai primi dieci mesi del 2013, un ridimensionamento del saldo negativo. I contraccolpi della crisi dei consumi delle famiglie hanno fatto registrare nei diversi comparti merceologici del commercio al dettaglio e nei servizi di alloggio e ristorazione saldi negativi, con l’unica eccezione del commercio ambulante dove il numero delle iscrizioni ha superato le cancellazioni; in questo settore vi e’ stato un incremento delle nuove iscrizioni rispetto al 2013. Nel commercio al dettaglio in sede fissa, il saldo negativo sia dell’area alimentare che non alimentare e’ stato peggiore rispetto ai primi dieci mesi del 2013. Sotto il profilo della distribuzione terrioriale, particolarmente consistente e’ stato il saldo negativo del Mezzogiorno (-26.287 imprese) e del Nord-ovest (-20.980 imprese). Rispetto allo stesso periodo del 2013 solo nel Nord-ovest il saldo negativo si e’ attenuato grazie ad un calo delle cancellazioni. A livello regionale, nei primi dieci mesi del 2014, Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Calabria e Sardegna si distinguono per una riduzione del proprio saldo negativo rispetto al 2013. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.