TwitterFacebookGoogle+

Allarme formaggio contaminato a Firenze, bimbo ricoverato

Firenze – Allarme formaggio contaminato in Toscana. Un bambino di 14 mesi è stato ricoverato all’ospedale pediatrico Mayer di Firenze per una probabile sindrome emolitico-uremica. “L’unità funzionale Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell’area fiorentina ha avviato un’indagine epidemiologica che ha portato a sospettare che la causa della malattia possa essere collegata al consumo di formaggio a pasta molle di origine rumena”, si legge in una nota della Usl Toscana Centro. Il bimbo, riferiscono fonti sanitarie del Mayer, è affetto da insufficienza renale e anemia e attualmente è in prognosi riservata anche se in lieve miglioramento.

Quanto alla probabile contaminazione, “dagli accertamenti eseguiti – si legge sempre nella nota della Usl – risulta che il bambino aveva consumato formaggi della ditta rumena SC Bradet s.r.l. che aveva già avviato il 9 marzo scorso il ritiro precauzionale dei propri prodotti a base di latte (formaggi) a causa della presenza di escherichia coli ‘O26:H11’ in alcuni campioni”. “Tale contaminazione – si legge ancora nella nota della Usl – sarebbe riconducibile a un’epidemia che ha colpito 14 bambini in Romania dal 24 gennaio ad oggi. La sindrome emolitico-uremica provocata da escherichia coli ‘O26:H11’ colpisce in maniera seria i bambini mentre ha una sintomatologia più lieve e prevalentemente intestinale sugli adulti”.

“I servizi di sicurezza alimentare – scrive al Usl – stanno accertando l’effettiva presenza del prodotto segnalato in commercio e se l’alimento verrà trovato sarà allontanato dalla vendita e immediatamente sequestrato. Come sempre accade in questi casi la segnalazione è stata diramata dagli operatori a livello regionale. Nonostante le notifiche di allarme e i sopralluoghi in atto per il ritiro del prodotto si invita chiunque sia in possesso di prodotti a base di latte della ditta SC Bradet s.r.l. a non consumarli e riconsegnarli al più presto all’esercizio dove sono stati acquistati”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.