TwitterFacebookGoogle+

Allarme Unicef, 3,6 milioni di bambini a rischio

Il Cairo – Sono 3,6 milioni i bambini iracheni a rischio di essere uccisi, violentati, sequestrati o reclutati da parte di gruppi armati, mentre in 4,7 milioni hanno bisogno di aiuti umanitari. E’ l’allarme lanciato dall’Unicef, secondo cui “i bambini dell’Iraq sono presi nel fuoco incrociato e attaccati ripetutamente”, con 1,3 milioni di loro che negli ultimi 18 mesi sono stati in pericolo a causa delle violenze nel Paese mediorientale. L’agenzia per l’infanzia dell’Onu ha anche riferito di 1.496 casi di sequestro di minori negli ultimi 30 mesi, con una media di 50 rapimenti al mese. Inoltre, il 10% dei minori iracheni, oltre 1,5 milioni, ha dovuto lasciare la propria abitazione, mentre molte scuole, quasi una su 5, sono chiuse a causa del conflitto, lasciando circa 3,5 milioni di bambini senza istruzione. L’Unicef ha cosi’ lanciato un appello ai donatori per raccogliere 100 milioni di dollari per poter far fronte alle necessita’ dei minori per quest’anno, affinche’ possano “riprendersi dagli orrori della guerra e contribuire a un Iraq piu’ pacifico e prospero”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.