TwitterFacebookGoogle+

Amentano le patologie neurologiche, 150mila casi in Toscana

Sono oltre 150mila le persone che, in Toscana, soffrono di una o più malattie neurologiche croniche e degenerative. Il crescente incremento di queste patologie – le stime del 2015 parlano di 92.958 casi di demenze, 36.770 di epilessia, 17.134 di Parkinson e 8.100 di sclerosi multipla – richiede sempre più una maggiore appropriatezza delle prestazioni e la definizione di percorsi clinico-assistenziali personalizzati, attraverso l’integrazione fra specialisti e professionisti sanitari.

Per alcune patologie si stima un significativo incremento nell’arco di 8 anni, 12mila casi per le demenze e 1.500 per il Parkinson. Ogni anno, inoltre, sono circa 10mila i nuovi casi di ictus registrati in Toscana, di cui l’80% di natura ischemica e il 20% per una causa emorragica. I costi diretti sono stimati in circa 280 milioni di euro per anno. L’ictus, in particolare, rappresenta nella popolazione la più frequente causa di disabilita’ permanente e la terza causa di morte.

I dati Agenas sulla mortalità per ictus a 30 giorni, relativi al 2015, indicano che in Toscana i setting dove sono presenti equipes neurologiche che prendono in carico i ricoveri ospedalieri e dotate di personale esperto e dedicato ottengono i migliori risultati, collocandosi ai vertici delle performances nazionali “I dati Agenas – ha commentato Pasquale Palumbo, neurologo e coordinatore del Comitato Scientifico del Meeting regionale di neuroscienze che si svolgerà a Grosseto dal 6 all’8 aprile – collocano le neurologie toscane ai vertici nazionali con una mortalita’ molto bassa nei 30 giorni successivi all’insorgenza di un ictus.

Questo risultato delle neurologie ospedaliere della Toscana indica alle istituzioni regionali che bisogna investire sulle maggiori competenze e qualità che il mondo delle neuroscienze offre”. Al meeting, dal titolo “Dalla epidemiologia ai percorsi interdisciplinari”, si confronteranno i massimi esperti neurologi, neuroradiologi e neurochirurghi della Toscana: una ‘full immersion’ di tre giorni dedicata ai temi di maggiore attualità nelle neuroscienze, dal dolore neuropatico alle novità in interventistica, dalla rete clinica in area vasta (ictus cerebrale, malattie neurodegenerative e infiammatorie) alle terapie innovative in neurologia, dalla neuroncologia alle sindromi neurologiche acute e malattie neurologiche immunomediate.

Il mondo delle neuroscienze intende così proporre interventi organizzativi per garantire l’uso ottimale delle risorse e la qualita’ dei servizi, con la finalità di valorizzare l’innovazione e la ricerca, senza trascurare l’appropriatezza, l’equità e la sostenibilità: uno dei temi di confronto tra rappresentanti della Società Italiana di Neurologia e della Società Scientifica Scienze Neurologiche Ospedaliere saranno dunque i percorsi assistenziali adeguati, di fronte all’incremento di tali patologie, e gli interventi organizzativi per rispondere ai bisogni di salute.

Si stima che i professionisti partecipanti all’evento scientifico saranno circa 300. “La ricchezza degli argomenti del prossimo Meeting di Neuroscienze a Grosseto – ha sottolineato Roberto Marconi, presidente del Congresso – unitamente al favore incontrato dalle altre societa’ scientifiche e professionali aderenti all’iniziativa, testimoniano la vitalita’ di professionisti che, nel solco di una comune tradizione culturale, da sempre al servizio pubblico, è pronta e matura per partecipare alla ricerca di soluzioni innovative per il nostro sistema sanitario”. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.