TwitterFacebookGoogle+

Amine Choukri e Monir Ahmed Alaaj, mistero sull'identità del complice di Salah 

Bruxelles – Il nome di Amine Choukri, l’uomo che e’ stato arrestato venerdi’ a Molenbeek con Salah Abdeslam, era gia’ comparso nell’inchiesta sugli attentati di Parigi, ma l’identita’ reale dell’uomo fermato non e’ nota. Le due identita’ attribuite al complice di Salah, Amine Choukri e Monir Ahmed Alaaj, sono entrambe false. Le sue impronte digitali non si trovano in alcun data base internazionale.

Amine Choukri e’ stato arrestato venerdi’ pomeriggio, poco dopo Salah, in una casa a Molenbeek in cui erano ospitati da una amiglia (tutti e tre i componenti della famiglia sono stai arrestati, Abid A., Sihane A. e Djemila M.). L’uomo era gia’ conosciuto dagli inquirenti perche’ lui e Salah Abdeslam erano stati controllati in un’area di servizio sulla strada verso Ulm, in Germania, il 3 ottobre 2015. Nel corso di quel controllo, erano state prese le sue impronte digitali che hanno permesso agli inquirenti di stabilire un legame.

Nella casa perquisita martedi’ a rue de Dries a Forest, erano stati trovati dalla polizia un falso passaporto siriano, con il nome di Monir Ahmed Alaaj e un falso passaporto belga, con il nome di Amine Choukri. Le impronte di Amine Choukri erano state trovate anche nella casa di Auvelais utilizzata dalla cellula terrorista. gli inquirenti belgi ignorano la sua vera identita’ e anche che tipo di ruolo – diretto o di sostegno logico- abbia giocato negli attentati di Parigi. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.