TwitterFacebookGoogle+

Amnesty denuncia l'Is, abusi su centinaia di donne yazide

(AGI) – Roma, 23 dic. – In un nuovo rapporto diffuso oggi, Amnesty International ha denunciato la ferocia del gruppo armato Stato islamico, responsabile di rapimenti, torture, stupri e ulteriori forme di violenza sessuale contro le donne e le ragazze appartenenti alla minoranza yazida in Iraq. Il rapporto, intitolato ‘In fuga dall’inferno: tortura e schiavitu’ sessuale nelle mani dello Stato islamico in Iraq’, descrive le terribili violenze patite da centinaia, se non migliaia, di donne e ragazze yazide costrette a matrimoni forzati o cedute a combattenti e sostenitori dello Stato islamico. Spesso, le rapite sono state obbligate a convertirsi all’Islam. “Centinaia di donne e ragazze yazide hanno avuto la vita distrutta a causa dell’orrore della violenza sessuale e della schiavitu’ sessuale cui sono state sottoposte dallo Stato islamico durante la prigionia” ha dichiarato Donatella Rovera, alta consulente per la risposta alle crisi di Amnesty International, che ha parlato con oltre 40 ex sequestrate nel nord dell’Iraq. Molte delle vittime di schiavitu’ sessuale erano ragazze di 14-15 anni o persino piu’ giovani. “I combattenti dello Stato islamico usano lo stupro come arma dei loro attacchi, che rappresentano crimini di guerra e crimini contro l’umanita’” ha aggiunto Rovera. Le donne e le ragazze di cui parla il rapporto di Amnesty International fanno parte delle migliaia di yazidi della regione di Sijnar, nell’Iraq nordoccidentale, vittime da agosto dalla pulizia etnica dello Stato islamico, avente l’obiettivo di eliminare ogni minoranza etnica e religiosa nella zona. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.