TwitterFacebookGoogle+

Anche lo Spelacchio americano di Rhode Island è morto. Ma è stato sostituito

Ieri non c’è stato solo il funerale di Spelacchio, l’albero di Natale della città di Roma che è entrato nelle cronache di tutto il mondo per la sua tragica e magra figura. Oltreoceano, a molti chilometri di distanza, nello stato statunitense del Rhode Island, si consumava una tragedia simile. Un altro Albero di Natale, criticato per la sua precoce nudità artistica, è morto attirandosi le critiche della politica e della stampa, nonché l’ironia della rete. Quella che i giornali americani hanno raccontato è addirittura una storia di un’agonia ancora peggiore di quella subita dal nostro Spelacchio, diventato improvvisamente rigido e secco. Qui c’è stata una perdita progressiva degli aghi e un tentativo, maldestro, di coprire i suoi problemi con l’aggiunta di neve artificiale. Poi, la resa. 

 

Seen @HasbroChildrens: decorated with the #RhodeIsland State House Christmas tree. #TooSoon? pic.twitter.com/DqBpDBHXmY

— Francois Luks (@FrancoisLuks) 19 dicembre 2017

 

Un problema di tempistiche e di attenzioni almeno secondo la Leyden’s Tree Farm che ha procurato l’abete all’amministrazione americana. “Era il più alto, circa 12 piedi (poco meno di 4 metri, ndr) che siamo riusciti a procurare con un preavviso così breve”. Peccato che la pianta avesse anche un problema assai grave di di “needle retention”. Una sorta di disidratazione agli aghi che ne ha causato la morte prematura. “Ma se avesse ricevuto più acqua e se il ceppo, durante la sistemazione, non fosse stato tagliato in quel modo, avrebbe avuto qualche possibilità in più di salvarsi”. Anche qui, insomma, c’è un bel rimbalzo di responsabilità.

 

Dead Christmas tree to be replaced at Rhode Island Statehousehttps://t.co/IG1LdQVkLs pic.twitter.com/JJmQHVBym2

— Air1 News (@air1news) 18 dicembre 2017

 

A differenza però dell’esemplare capitolino, il povero albero americano è stato abbattuto e sostituito nella giornata di lunedì. Con i giornali, impietosi, che raccontavano del rumore di una sega elettrica al posto dei canti natalizi. Gina Raimondo, il governatore democratico del Rhode Island, ha deciso di ascoltare i cittadini che dopo aver visto i rami scoperti si sono lamentati per la scelta di un albero che ormai di natalizio aveva ben poco. Il nuovo esemplare, più piccolo ma compatto, sembra poter interpretare meglio il suo ruolo. Almeno fino al 25 di dicembre. “Buona fortuna per l’anno prossimo Rhode Island” ha scritto Mashable commentando l’accaduto. Facciamo lo stesso augurio a Roma?

 

 

 

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.