TwitterFacebookGoogle+

Anziani: il caffe' migliora i tempi di reazione

Londra – Per molti di noi il caffe’ e’ indispensabile per cominciare una giornata. Berlo infatti aiuta a svegliarsi e a stare piu’ attenti a quello che si fa. Ora pero’ uno studio dell’Universita’ di Bristol fa luce su un altro effetto importante di questa bevanda. Secondo i risultati, presentati in occasione del meeting annuale della Cognitive Neuroscience Society, la caffeina puo’ migliorare i tempi di reazione, specialmente negli anziani. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che gli anziani che assumono compresse di caffeina, l’equivalente di due tazze di caffe’, ottengono punteggi piu’ alti ai test sull’attenzione. Questi risultati aprono la strada a nuovi trattamenti per migliorare la capacita’ cognitiva delle persone affette da demenza. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno coinvolto nello studio 20 anziani in buona salute, sottoposti a test di valutazione per nove giorni. Prima dello studio ciascun partecipante non ha consumato caffeina per una settimana. Gli scienziati hanno poi poi dato ai soggetti pillole caffeinate o decaffeinate a giorni alterni. “Se hanno ricevuto la decaffeinata il primo giorno hanno avuto la caffeina il secondo giorno, e cosi’ via”, ha spiegato Kanchan Sharma, auitore dello studio. Le dosi di caffeina venivano anche alternate da 62 mg a 100 mg. I partecipanti sono stati poi sottoposti a test di valutazione dell’attenzione, compresi i tempi di reazione. “C’e’ stato un test dove appena vedevano un quadrato rosso sullo schermo del computer dovevano premere un pulsante rosso su un controller”, ha detto Sharma. “Abbiamo scoperto che, quando si deve scegliere tra un quadrato rosso e uno blu su uno schermo, le reazioni migliorano con la caffeina”, ha aggiunto. Cosi’ gli scienziati hanno scoperto che una dose elevata di caffeina migliora i tempi di reazione cognitiva. Tuttavia, lo studio e’ ancora alle fasi iniziali e si e’ appena spostata l’attenzione sulle persone con la sclerosi multipla e il morbo di Parkinson. (AGI) .

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.