TwitterFacebookGoogle+

Anziani maltrattati e derubati in casa riposo a Prato. Infermieri e operatori indagati – Video

(AGI) – Prato, 10 lug. – Maltrattamenti fisci e morali verso gli anziani degenti affetti da patologie gravi e non autosufficienti, e umiliazioni: la Polizia di Stato di Prato ha eseguito nove misure cautelari a carico di altrettanti Operatori Socio Sanitari e infermieri in servizio presso una struttura sanitaria con sede a Prato. I reati riguardano ipotesi di maltrattamento e lesioni verso anziani ricoverati presso la struttura, anziani affetti appunto da gravi patologie invalidanti e non autosufficienti. Gli anziani avrebbero subito anche furti di denaro. L’attivita’ investigativa, svolta anche con la Direzione Sanitaria della ASL 4 di Prato, ha permesso di scoprire “una situazione grave, di umiliazione continua degli anziani, anche in momenti delicati della loro vita, e un contesto generalizzato di tali condotte. Quotidiani erano i maltrattamenti fisici e morali nei confronti dei degenti, sottoposti, senza alcun motivo, a strattonamenti e a condotte lesive della loro integrita’ fisica. Altrettanto quotidiani erano le condotte di dileggio e ingiuria verso gli ospiti della residenza, che ne denotano una costante volonta’ vessatoria nei confronti dei malati”.

Altri quattro dipendenti risultano indagati senza che nei loro confronti sia stata applicata misura cautelare. Per tutti e’ stata applicata la misura cautelare della sospensione dall’esercizio di pubblico servizio per periodi da sei mesi a un anno. Le persone destinatarie della misura sono residenti tra le provincie di Prato e Pistoia. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.