TwitterFacebookGoogle+

Apple blinda dati su iCloud, contro hacker e indagini Fbi

Roma – Apple sta lavorando per blindare iCloud, la nuvola dove sono custoditi i dati dei ‘backup’ degli utenti: informazioni personali, immagini, contatti mail. In questo modo l’azienda vuole rendere più difficile l’accesso da parte degli hacker, ma anche da parte delle autorità inquirenti. Lo rivela il Financial Times, citando fonti vicine all’operazione.

Il nuovo sistema segnerebbe una svolta nello scontro tra l’azienda di Cupertino e l’Fbi, la quale ha chiesto ad Apple, senza ottenerlo, di sbloccare l’iPhone di uno dei terroristi della strage di San Bernardino. In pratica, con il nuovo sistema Apple metterebbe a punto un meccanismo che renderà impossibile alla stessa azienda di Cupertino di concedere all’Fbi o a chiunque altro l’accesso ai dati degli utenti sui suoi sistemi iCloud.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.