TwitterFacebookGoogle+

Arriva nuovo decreto su terremoto, 350 assunzioni e 11 mln a allevatori

Roma – Nelle zone colpite dal terremoto verificatosi tra il 26 e il 30 ottobre la popolazione vive una situazione di precarietà che rischia di diventare drammatica con l’arrivo delle temperature rigide e dell’inverno. Per questo il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto legge che prevede, come recita la denominazione, “nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016”. L’emergenza principale di cui si occupa il provvedimento è quella di garantire un’adeguata assistenza abitativa alle popolazioni colpite dalle ripetute scosse. Per fronteggiarla, si prevede che il Dipartimento della protezione civile possa, con procedure rapide e trasparenti, acquisire i container e, sulla base delle indicazioni dei Comuni, individuare le aree sulle quali installarli. Nei Comuni colpiti dal terremoto nel Centro Italia, inoltre, potranno essere assunti, a tempo determinato, fino a 350 tecnici e impiegati per far fronte all’attività straordinaria dovuta all’emergenza. 

Di seguito, i settori sui quali interviene il decreto e le misure previste.

ASSUNZIONI NEI COMUNI: per gestire la gran mole di procedimenti connessi al terremoto, il decreto autorizza le amministrazioni comunali ad assumere a tempo determinato personale di tipo tecnico e amministrativo. Il tetto massimo delle assunzioni è fissato a 350 unità. Previsto anche il rafforzamento della struttura della Protezione civile e di quella del Commissario straordinario alla ricostruzione.

COONTAINER: il Dipartimento della Protezione civile potrà acquisire i container per alloggiare quanti non vogliono lasciare i loro paese. Le procedure saranno rapide e trasparenti e le aree dove posizionare i container saranno individuate in base alle indicazioni dei Comuni

RISTRUTTURAZIONI FAI DA TE: sarà consentito provvedere in proprio alle riparazioni urgenti per rendere abitabili le case che hanno subito solo danni lievi. L’intento è quello di favorire il rientro degli sfollati nelle loro abitazioni. Per effettuare gli “interventi di immediata riparazione”, gli interessati dovranno presentare un progetto specifico, firmato da un professionista abilitato e in cui si attesi il nesso di causalità tra il terremoto e le lesioni dell’immobile e venga stimato il danno.

ECCELLENZE AGROALIMENTARI: il decreto assegna fondi perché possa proseguire la produzione di salumi e formaggi che costituiscono un patrimonio delle zone colpite, dal pecorino di Amatrice ai prosciutti di Norcia. Viene autorizzata la spesa di 10,942 milioni di euro per il sostegno dei settori del latte, della carne bovina dei settori ovicaprino e suinicolo.

SALVATAGGIO BENI CULTURALI: i Comuni potranno eseguire direttamente gli interventi indispensabili per la la messa in sicurezza del patrimonio storico e artistico. Se decideranno di farlo, dovranno comunicarlo al ministero dei Beni culturali.

RIASSETTO VIABILITA‘: sarà l’Anas a intervenire con urgenza per mettere in sicurezza le strade e ripristinarne la percorribilità. L’Anas si occuperà non solo della rete stradale di propria competenze ma anche di quelle di competenza provinciale e comunale.

SCUOLA: per rispondere al problema della continuazione dell’anno scolastico dei ragazzi sfollati, il prevede varie misure riguardanti la modalità di composizione delle classi a l’assegnazione del personale docente.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.