TwitterFacebookGoogle+

Arrivano “Le Iene”, parroco in fuga inseguito tra le tombe

CatturaLARCIANO. Incursione de Le Iene di Mediaset a Castelmartini, martedì pomeriggio, non senza creare un certo scompiglio nella comunità locale.

Nel mirino dello staff del popolare programma di Italia Uno è finitoDon Filippo Bellini, a lungo reggente della parrocchia di San Donnino Martire a Castelmartini, attualmente già destinato dal Vescovo della diocesi di San Miniato a ricoprire a breve l’incarico di parroco a Fauglia. Le Iene, un uomo e una donna rigorosamente vestiti di nero, hanno approfittato di una celebrazione funebre per tendere il loro “agguato” a Don Filippo, sotto gli occhi stupiti di parenti, amici e conoscenti della defunta. «Eravamo al cimitero per la tumulazione – spiega un testimone – e finiti i rituali canonici, il parroco si è avvicinato all’uscita per andarsene».

La gente intorno al loculo, improvvisamente, ha sentito qualcuno dall’ingresso del cimitero invocare l’intervento dei carabinieri. Il primo pensiero dei tanti presenti è stato quello di un incidente, ma dopo pochi istanti è rientrato Don Filippo, seguito appunto dalle due Iene. «Tra l’altro il parroco – prosegue il testimone – solitamente ha un’andatura molto tranquilla, si aiuta appoggiandosi al bastone anche durante le processioni ed in effetti aveva con sé il bastone anche martedì pomeriggio».

Il tragitto dalla chiesa al cimitero, distante duecento metri, l’aveva fatto in auto e non a piedi, proprio in virtù di queste sue difficoltà a deambulare. «Abbiamo visto rientrare il parroco – raccontano ancora alcuni dei presenti – a passo decisamente svelto. Dietro di lui, sono entrati un uomo e una donna. Entrambi avevano il doppiopetto nero, lui con i capelli brizzolati e con gli occhiali da sole in testa».

Microfono alla mano, telecamere accese ed un paio di uomini ben piazzati a guardare loro le spalle, la coppia si è messa alle calcagna del prete, che tuttavia non ha mostrato di voler rispondere alla loro domande. «Si vedeva che gli facevano delle domande – conclude il testimone – mentre lui camminava velocemente tra le tombe per schivare i due intervistatori “molesti” e parlava al cellulare. Il tutto è durato 5, forse anche 10 minuti buoni, lasciando tutti sbalorditi. Una parente della defunta è andata anche a protestare con gli uomini che stavano di guardia alla coppia. Poi il parroco è riuscito a guadagnare l’uscita, è salito su un’auto e dopo poco sono arrivati i carabinieri».

Lo staff de Le Iene nel frattempo si era già dileguato. Una situazione troppo particolare per non fare immediatamente il giro del paese, dove don Filippo è molto conosciuto anche per le messe di guarigione, (ma c’è chi parla anche di esorcismi), che celebrava nella parrocchia e che, nell’aprile del 2013, era valsa una nota ufficiale della Diocesi, in cui si precisava che «Don Filippo Bellini, non è “esorcista” e non ha avuto alcun incarico in tal senso da parte di monsignor vescovo. Non può quindi nemmeno essere chiamato in questo modo».

http://iltirreno.gelocal.it/montecatini/cronaca/2014/09/04/news/arrivano-le-iene-parroco-in-fuga-inseguito-tra-le-tombe-1.9865546

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.