TwitterFacebookGoogle+

Arte: Van Gogh si tagliò orecchio "dopo notizia nozze fratello"

di Nuccia Bianchini

Londra – Non fu la lite con l’amico convivente, Paul Gauguin, a spingere Vincent Van Gogh, a tagliarsi l’orecchio. E non fu neppure il pittore francese, come ipotizzato di recente da una studiosa tedesca, a mozzarglielo in un impeto di rabbia e in preda ai fumi dell’assenzio. Fu invece la notizia che il fratello amatissimo, Theo, era prossimo alle nozze a spingere Vincent nella più cupa disperazione. E’ questa la nuova teoria sulle ragioni che scatenarono l’orribile, cruento atto di automutilazione, su cui gli storici non hanno ancora trovato una lettura univoca sul folle gesto dell’artista al centro di una mostra a Roma, Van Gogh Alive, The Experience.

La mostra a Roma, Van Gogh prende vita in un’esperienza sensoriale  

Nel dicembre del 1888, Van Gogh viveva ad Arles, in Provenza, dove dipingeva i paesaggi assolati del sud. Conviveva con Gauguin, anche lui squattrinato e senza alcun successo. I pochi soldi che racimolava -all’epoca Van Gogh non aveva venduto ancora neppure una tela- gli arrivavano da Theo, il fratello. Secondo una nuova ricerca apparsa sul Guardian, ‘Studio of the South: Van Gogh in Provence’, di Martin Bailey, Van Gogh apprese la notizia delle imminenti nozze di Theo con un lettera del fratello proprio quella fatidica domenica del 23 dicembre del 1888. Quella sera, Van Gogh e Gauguin, che avevano lavorato tutto il giorno chiusi in casa a causa della pioggia incessante, litigarono violentemente; e Gauguin infuriato infilò la porta minacciando di tornarsene definitivamente a Parigi. Ma quello stesso giorno Van Gogh aveva ricevuto una lettera con 100 franchi e anche-secondo Bailey- la notizia che solo due settimane prima Theo aveva reincontrato un vecchia amica, Jo Bonger, e che lei -che nel passato lo aveva rifiutato- aveva infine accettato di sposarlo.

Van Gogh, che aveva capito che il fratello, con moglie e figli, non avrebbe potuto più mantenerlo, disperato si tagliò l’orecchio, sostiene Bailey. E subito dopo, pur mutilato e perdendo sangue copiosamente, avvolse il pezzo di orecchio nella carta e con il cartoccio si recò al suo bordello preferito, per dare il pacchetto a una giovane che conosceva. Secondo un altro recente studio di Bernadette Murphy, la giovane non era una prostituta, ma la figlia di un contadino che vi lavorava come servetta. Murphy ha anche trovato un disegno realizzato da un medico subito dopo l’incidente dal quale sembra di capire che il pittore non si tagliò solo un pezzetto del lobo, ma l’intero orecchio. Di certo, aprendo il pacchetto, la sventurata non resse alla visione e cadde a terra svenuta. A quel punto Van Gogh se ne tornò a casa. Il pittore venne trovato il giorno dopo, vigilia di Natale, da Gauguin tornato a casa al mattino: c’era la polizia e lui era svenuto e in un letto di sangue. Theo, che sperava di trascorrere il suo primo Natale con la fidanzata, qualche ora dopo era invece al capezzale del fratello in ospedale. Van Gogh fu dimesso il 7 gennaio. Diciannove mesi piu’ tardi si suicidò con un colpo di pistola. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.