TwitterFacebookGoogle+

Artisti e intellettuali scrivono a Renzi: “Condanni Israele”

Artisti e intellettuali scrivono a Renzi: “Condanni Israele”Redazione– “Noi società civile, arti­sti, intel­let­tuali, educatori”: è questa l’incipit della lettera inviata al Presidente del Consiglio Matteo Renzi da numerose personalità del panorama intellettuale italiano.

In essa viene lanciato un appello affinché il governo italiano si adoperi a condannare fermamente le politiche invasive condotte da Israele nella Striscia di Gaza.

“In que­sti giorni , in que­ste ore, il governo di Israele gui­dato dal suo pre­mier Neta­nyahu , ha deciso un’azione mili­tare con impe­gno mas­sic­cio di armi di mezzi e di uomini, inva­dendo di fatto e facendo guerra nei ter­ri­tori della Stri­scia di Gaza, con­tro la popo­la­zione pale­sti­nese che li abita. Azione mili­tare tesa a una radi­cale distru­zione di vite umane e di infra­strut­ture civili essen­ziali, come scuole e ospe­dali, incluse alcune poste sotto l’autorità dell’ONU. Un’azione che deve essere con­dan­nata senza “se” e senza “ma”, si legge infatti nell’appello.

A fronte di ciò, dunque, “chie­diamo che il nostro governo che Lei rap­pre­senta, per nostro conto e nostra voce, si fac­cia pro­mo­tore di una cam­pa­gna inter­na­zio­nale tesa a imporre a Israele un imme­diato ces­sate il fuoco, la fine dell’ Asse­dio di Gaza e il com­pleto ritiro dalle zone occu­pate, dando spa­zio uni­ca­mente al dia­logo, per giun­gere alla solu­zione, non più pro­cra­sti­na­bile, della piena sovra­nità e il rispetto dei diritti del popolo palestinese.”

“Chie­diamo viva­mente a Lei e al suo governo”, proseguono i firmatari, “una presa di coscienza e di respon­sa­bi­lità umana e poli­tica, capace di essere motore e ragione di un reale cam­bia­mento, capace di supe­rare “le oppor­tu­nità” poli­ti­che e di cogliere la neces­sità, per il mar­to­riato popolo pale­sti­nese, di poter vivere in pace e giustizia.”

Tra i  firmatari dell’appello, anche Moni Ovadia, i Modena City Ramblers, i fratelli Taviani, Leo Gullotta.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.