TwitterFacebookGoogle+

Assistente di volo colpisce con il passeggino una mamma

Dopo il caso della United Airlines, che ricorse alla forza per far sbarcare un medico di 69enne di origini vietnamite (che ne usci con il naso rotto ed altre ferite), regolarmente imbarcato e seduto al suo posto, per far posto a proprio personale in transito, a finire nel mirino dei media è stavolta la American Airlines. Anche qui grazie ad un video ripreso da un passeggero e divenuto virale sulla rete in cui si vedono le fasi successive all’evento: un assistente di volo – sospeso dall’incarico – avrebbe colpito, secondo testimoni oculari, con un passeggino una madre che aveva il figlio in braccio. 

 

La testimone ha filmato la scena

La passeggera Surain Adyanthaya, che ha ripreso il video ha riferito che l’assistente di volo “ha con violenza strappato di mano il passeggino dalla madre che aveva il piccolo in braccio, colpendola e mancando per un pelo il bambino”. Nelle immagini si vedono le fasi successive alla violenza con la donna in lacrime e disperata, sempre con il bambino sotto shock con le braccia al collo della mamma, che cerca di riavere indietro il passeggino. A quel punto interviene un passeggero a difendere la donna che aveva chiesto le scuse dell’assistente di volo, che non solo non lo ha fatto, ma iniziato a litigare con il passeggero accorso in difesa della mamma. A quel punto l’assistente è accorso minaccioso verso il passeggero ordinandogli: “Resta fuori da questa storia”. A quel punto si è arrivato ad un passo dallo scontro fisico, scongiurato solo dall’intervento del pilota, che fino a quel momento aveva assistito inerme a tutta la scena.

Volo da San Francisco a Dallas

Teatro dell’ennesimo caso di maltrattamento di passeggeri da parte di una compagnia aerea americana è stato il volo 591 della American Airlines che venerdì sera stava decollando da San Francisco a Dallas. Alla fine a differenza del disastro mediatico della United Airlines che ci mise più di 48 ore per chiedere scusa, dopo aver accusato il medico cui è stato rotto il naso, e che è costato la promozione dell’Ad Oscar Munoz a presidente esecutivo della società, American Airlines ha rapidamente espresso “il profondo dispiacere per il dolore causato a questo passeggero e alla sua famiglia e agli altri due clienti coinvolti nell’incidente. L’azione del membro del nostro staff non sembra corrispondere ai valori di pazienza ed empatia indispensabili nella gestione dei clienti. In sintesi siamo rammaricati da quanto accaduto”. American Airlines ha quindi offerto alla donna e alla famiglia di essere spostata in prima classe per il resto del viaggio.

Leggi anche:

L’aereo è in overbooking, passeggero trascinato fuori dal volo United

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.