TwitterFacebookGoogle+

Assolto in appello padre Fedele, non abusò di una suora

Lui: “Adesso spero di poter tornare a dire messa, altrimenti non ha valore”.

22/06/2015 – 

Padre Fedele è stato assolto dalla Corte d’Appello di Catanzaro dall’accusa di violenza sessuale nei confronti di una suora. «Adesso spero di poter tornare a dire messa, altrimenti non ha valore. Se non tornassi a dirla sarei uno sconfitto». È il suo primo commento. In precedenza, era stato condannato a nove anni e tre mesi dalla stessa Corte ma poi la Cassazione aveva annullato la sentenza con rinvio. Il segretario di padre Fedele, Antonio Gaudio, è stato invece condannato a tre anni e quattro mesi di carcere.

La corte di appello di Catanzaro ha assolto con la formula «perché il fatto non sussiste» padre Fedele Bisceglia, l’ex frate accusato di violenza sessuale nei confronti di una suora. La Corte (presidente Maria Vittoria Marchiano’, e i giudici Giancarlo Bianchi e Gianfranco Grillone, cancelliere Giuseppe Femia) ha invece inflitto 3 anni e 4 mesi al segretario del religioso, Antonio Gaudio, relativamente af un altro episodio di violenza su una ospite dell’Oasi francescana.

 

L’ex frate, sospeso a divinis proprio per la vicenda giudiziaria, finì in carcere nel gennaio del 2006, e fu rinviato a giudizio assieme a Gaudio il 9 gennaio del 2008. Padre Fedele, che oggi non era presente in aula, e Gaudio furono condannati in primo grado con la sentenza emessa il 6 luglio 2011 dal tribunale collegiale di Cosenza rispettivamente a 9 anni e 3 mesi, e 6 anni e 3 mesi. Sentenza confermata dalla Corte di appello di Catanzaro il 17 dicembre del 2012. Poi il ricorso della difesa degli imputati alla Corte di cassazione che ha annullato la sentenza di secondo grado e rinviato gli atti nel capoluogo calabrese per una nuova pronuncia.

 

Nella precedente udienza il sostituto procuratore generale Raffaela Sforza aveva chiesto di condannare a 9 anni e 2 mesi, il religioso, e a 6 anni e 2 mesi il suo segretario. Dopo la lettura della sentenza l’avvocato di padre Fedele, Eugenio Bisceglia (co difensore assieme a Franz Caruso), si è detto «ampiamente soddisfatto del risultato frutto di un duro e lungo lavoro durato 10 anni. Un grazie va a tutto il mio studio che ha coordinato le attività difensive e ad Andrea Felci titolare dell’agenzia di investigazioni private che ci ha supportato»

http://www.lastampa.it/2015/06/22/italia/cronache/assolto-in-appello-padre-fedele-non-abus-di-una-suora-nurPr3l6bBU9jT826CGFeL/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.