TwitterFacebookGoogle+

Astronavi extraterrestri sotto le calotte polari

Calotte polariIl capitano di primo rango Vladimir Prikhodko, direttore di una organizzazione di ricerca pubblica per gli studi sottomarini, ha osservato che la Russia, gli Stati Uniti e la Cina stanno spendendo miliardi nello spazio, quando potrebbe essere necessario spendere soldi qui… giù nelle profondità del mare, sotto le calotte polari, di colore blu, dove, dice, si nascondono gigantesche macchine aliene.

Per decenni, l’esercito russo ha rintracciato UFO e alieni che vanno e vengono dalla parte superiore e inferiore del mondo.

Prikhodko ha rivelato il caso incredibile del dottor Rubens Dzh.Villela, un famoso esploratore artico che, insieme con un ufficiale di servizio e un esperto pilota,

ha visto la partenza di un oggetto d’argento dirigersi verso il cielo dal fondo del mare coperto dal ghiaccio.

Astronavi extraterrestri sotto le calotte polari

 

Secondo la testimonianza, durante un’operazione navale chiamata Deep Freeze, nella regione del Nord polare, il dottor Dzh.Villela e i due dell’equipaggio sul ponte con lui, erano scioccati a causa dell’oggetto apparso improvvisamente da sotto il ghiaccio.

Astronavi extraterrestri sotto le calotte polari“Qualcosa fuori dall’acqua … ha rotto il ghiaccio solido, largo circa tre metri e un enorme oggetto d’argento scomparve nel cielo. Enormi blocchi di ghiaccio sono stati sollevati a centinaia e per metri di altezza, il suono ha colpito i cumuli di ghiaccio e sull’acqua si sono formate delle bolle enormi”.

Nel 1997, Prikhodko disse: “Ad una profondità di sei chilometri, in prossimità della stazione di Bellingshausen, la sua macchina fotografica, ha catturato oggetti di forma ovale che emettevano un’intensa luce interiore”. Il filmato è stato esaminato dagli esperti dell’Istituto Reale di Oceanologia e la conclusione è inequivocabile: queste strutture possono essere solo di origine artificiale.

Astronavi extraterrestri sotto le calotte polari

I dati sugli UFO della Marina Russa, presentati dall’ex capitano dell’URSS Vladimir Azhazha e dall’ex vice presidente a capo della sezione di navigazione della Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’Accademia delle Scienze, rivelano che circa “il 50% di incontri con gli UFO, sono collegati con gli oceani e il 15% con i laghi, quindi gli UFO tendono all’elemento acqua in modo esplicito, quindi la raccolta dei dati navale sugli UFO, sono di particolare valore”.

Il capitano Prikhodko ha aggiunto che, durante un’altra esercitazione navale russa, “il dispositivo di misurazione del movimento sottomarino segnò una velocità di 150 nodi! Alcuni andavano a 450 km/h! Un moderno sottomarino in immersione può raggiungere massimo 45 nodi”.

Astronavi extraterrestri sotto le calotte polari

I misteri delle profondità degli oceani sono profondi come quelli dello spazio esterno, ha detto Prikhodko: “Il problema è che l’umanità non ha troppo interesse alle profondità, forse questo è un grosso errore”.

http://www.segretiemisteri.com/?p=10594#more-10594

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.