TwitterFacebookGoogle+

Atene, stiamo "facendo il possibile per accordo". Draghi, "stavolta e' difficile"

(AGI) – Atene, 9 lug. – Le autorita’ greche sono fiduciose di poter raggiungere un accordo con i creditori internazionale che sara’ poi approvato dal Parlamento: lo ha dichiarato il portavoce del governo, Gabriel Sakellaridis. “Sono certo che l’accordo superera’ (il voto) del gruppo parlamentare di Syriza e della coalizione di governo”, ha dichiarato all’emittente Antenna Tv. “Il governo sta facendo tutto il possibile per arrivare a un accordo immediato e mettere fine a questo ciclo di incertezza”. Ma il presidente della Bce, Mario Draghi stavolta si rende conto che superare lo scoglio della crisi greca e’ molto difficile. “Non so, questa volta e’ veramente difficile” confessa Draghi sull’aereo che da Bruxelles lo riporta a Roma, secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore. E se Mosca dovesse arriva in soccorso di Atene? “Non credo – replica Draghi – non mi pare un vero rischio, e poi non hanno soldi neanche loro…”. “Le banche greche hanno sufficiente liquidita’ nei bancomat fino a lunedi’”, lo ha assicurato Louka Katseli, presidente dell’associazione bancaria greca. “Sappiamo che e’ garantito tutto fino a lunedi’”, ha dichiarato all’emittente greca Skai Tv. Dopo il fallimento il 29 giugno dei negoziati tra il governo di Atene e i creditori internazionali, le autorita’ greche hanno prolungato fino a lunedi’ 13 luglio la chiusura delle banche del Paese e hanno limitato i prelievi di contante a 60 euro al giorno. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.