TwitterFacebookGoogle+

Austria, verso il divieto del velo a scuola: “In difesa delle bambine”

L’annuncio del cancelliere Kurz: «E’ una misura di integrazione, così combattiamo l’Islam politico». A settembre era già stato vietato l’uso di burqa e niqab in strada.

Pubblicato il 04/04/2018 –
letizia tortello –

Dalla strada alla scuola. Vienna va avanti sul divieto di coprirsi il volto nei luoghi pubblici. Stavolta il bando tocca le scuole elementari e gli asili: il governo di Sebastian Kurz produrrà entro l’estate una legge «a tutela dei minori», anzi delle minori, per vietare alle giovani musulmane che entrano in classe di coprirsi il capo. La notizia era stata annunciata già negli scorsi giorni dal vice cancelliere dell’ultradestra Strache, è stata confermata dallo stesso cancelliere oggi, mercoledì, dopo il consiglio dei ministri.

«In Austria vogliamo che le ragazze abbiano le stesse possibilità. Questo è il motivo per cui la discriminazione, soprattutto in giovane età, deve essere eliminata», ha twittato Kurz. E ha aggiunto: «Non vogliamo che ci siano alunne di serie A e alunne di serie B». L’iter per il divieto del velo, dunque, è stato avviato dal governo conservatore d’Oltralpe, ora il parlamento dovrà approvare una legge con la maggioranza dei due terzi. E ÖVP ed FPÖ sperano di poter contare sui voti dei socialdemocratici dell’SPÖ, ma l’opposizione annuncia che si farà sentire, più per la fretta di Kurz che nel merito, e infatti il loro leader, Christian Kern non si è dichiarato del tutto contraria al provvedimento. A protestare, invece, è la comunità musulmana, che contesta le nuove linee tracciate dall’esecutivo guidato, così come non aveva accolto di buon grado il divieto totale di indossare il burqa e niqab in strada, introdotto con una legge a settembre. Divieto sfociato, dopo solo un mese dall’entrata in vigore, in alcune situazioni paradossali: il cosiddetto «Burkaverbot» dello scorso autunno, molto più restrittivo del divieto di velo che verrà introdotto ora per le alunne delle scuole, era stato lanciato con intenzioni non discriminatorie come un generico divieto di coprirsi e mascherarsi per ragioni di sicurezza. Ma nei fatti ha portato spesso a situazioni assurde come multe per chi in strada porta anche solo sciarpe troppo accollate.

Ora, la battaglia di Kurz e di Strache contro le realtà musulmane chiuse e le «società parallele» si estende al mondo dei bambini. «Vogliamo introdurre un codice di abbigliamento in difesa delle ragazze, è una misura di integrazione. Le giovani devono essere libere nell’età dello sviluppo e vogliamo opporci così all’Islam politico», ha spiegato Heinz-Christian Strache in conferenza stampa. Già in campagna elettorale, prima delle elezioni del 15 ottobre, il controllo dei «Kindergarten» era stato uno dei cavalli di battaglia della retorica antimusulmana di Strache. «La nostra è un’azione simbolica in difesa delle bambine, l’Austria è uno Stato laico», dice ora il ministro dell’Istruzione, Heinz Fassmann. Che non vuole ancora esplicitare quali sanzioni si applicheranno alle famiglie che violano la legge (quando entrerà in vigore), e nemmeno si sa quante bambine e ragazzine dovranno cambiare nei fatti il loro abbigliamento per andare a scuola. «Prima di parlare di queste cose, è importante convincere la comunità religiosa islamica», aggiunge Fassmann. Per questo, la comunità di fede islamica dovrebbe essere coinvolta nello sviluppo della legge.

http://www.lastampa.it/2018/04/04/esteri/austria-verso-il-divieto-del-velo-a-scuola-in-difesa-delle-bambine-2lKlm3Ojp1CJlc8zyl5n9J/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.