TwitterFacebookGoogle+

Autobomba fa strage di civili in fuga da Aleppo: “Oltre cento vittime”

Pubblicato il 15/04/2017 –
Una carneficina è stata compiuta oggi nel nord della Siria dove un’autobomba ha ucciso, secondo alcune fonti mediche locali, più di cento persone tra cui donne e minori nei pressi di Aleppo, dove sostavano migliaia di persone evacuate da località assediate da anni. Questo mentre da Mosul giungono notizie, difficili da confermare, sull’uso di gas tossici da parte dell’Isis, nell’estremo tentativo di fermare l’offensiva governativa nell’ultima roccaforte jihadista nel nord dell’Iraq. Fonti militari irachene affermano che l’Isis ha lanciato gas tossici nel quartiere di Abar, a Mosul ovest, ultima zona in mano ai jihadisti.

Dall’Iraq alla Siria, dove l’agenzia governativa siriana Sana parla di «decine tra morti e feriti» nell’attentato compiuto nel pomeriggio a Rashidin, vicino ad Aleppo, dove da ieri si incrociano i convogli di pullman provenienti da quattro località siriane assediate e che sono gradualmente svuotate in base a un accordo tra gli Hezbollah libanesi e l’ala siriana di al Qaeda. I primi bilanci di una quarantina di uccisi, con un bilancio di morti che sale di ora in ora a causa della gravità delle ferite di decine di persone coinvolte. Solo in serata, la Protezione civile delle zone fuori dal controllo governativo ha riferito di «più di cento morti» con un altissimo numero di vittime tra donne e bambini.

Secondo le ricostruzioni concordanti dei media locali, l’esplosione è stata causata da un pick-up bomba guidato da un attentatore suicida che si è scagliato contro un assembramento di civili evacuati da località assediate nella regione di Idlib e di Damasco. Il pick-up bomba doveva essere sul posto per distribuire cibo e bevande alle centinaia di persone che sostavano a Rashidin da questa mattina. Per soccorrere i numerosi feriti sono state usate anche ambulanze messe a disposizione per completare l’evacuazione dalle varie città assediate, tra cui mezzi di soccorso affidati all’ala siriana di al Qaida, che è parte integrante dell’accordo raggiunto con gli Hezbollah e con la mediazione di Iran e Qatar.

Le immagini video diffuse dai media dal luogo dell’attentato mostrano diversi corpi senza vita a terra, numerose auto in fiamme, scene di disperazione e urla dei feriti e dei soccorritori. A Rashidin erano arrivati in circa due mila persone nelle ultime ore da Fuaa e Kafraya, località assediate a Idlib. Altre due migliaia circa erano arrivate ieri sera provenienti da Madaya e Zabadani, altre due località assediate nella regione di Damasco, centinaia di chilometri più a sud. L’accordo di evacuazione era stato raggiunto «per ragioni umanitarie» dopo anni di assedio militare.

http://www.lastampa.it/2017/04/15/esteri/autobomba-vicino-a-un-bus-di-civili-in-fuga-da-aleppo-decine-di-morti-YgsMz21ZQg0zMgFjnrFUZO/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.