TwitterFacebookGoogle+

Baby squillo: processo appello, 9 anni e 4 mesi a Mirko Ieni

(AGI) – Roma, 10 set. – Lieve sconto di pena (da 10 anni a 9 anni e 4 mesi di reclusione) per Mirko Ieni, l’uomo ritenuto il ‘dominus’ del giro di prostituzione di due studentesse di 15 e 16 anni avviato lo scorso anno in un appartamento del quartiere Parioli. Lo ha deciso la terza sezione penale della corte di appello di Roma. Ieni, presente in aula al momento della sentenza assieme ad alcuni familiari, e’ stato condannato anche al pagamento di 50mila euro di multa. La corte d’appello ha poi ridotto le pene attribuite al commercialista Riccardo Sbarra (da 6 anni a 4 anni) e a uno dei clienti, Michael De Quattro (da 4 anni a 3 anni). E’ stata invece confermata la sentenza di primo grado per gli altri cinque imputati: 7 anni a Nunzio Pizzacalla, altro organizzatore del giro illecito secondo la procura, 6 anni alla mamma di una delle due ragazzine, 3 anni e 4 mesi all’imprenditore Marco Galluzzo, un anno ai clienti Francesco Ferraro e Gianluca Sammarone. Stando a quanto spiegato in udienza dal sostituto procuratore generale Mario Remus, che lo scorso 22 luglio aveva chiesto la conferma della sentenza emessa dal gup Costantino De Robbio, gli imputati erano consapevoli della minore eta’ delle due prostitute e del tipo di reato che stavano commettendo partecipando agli incontri sessuali a pagamento. Anche le ragazzine erano consapevoli di quello che stavano facendo (e che ritenevano necessario per potersi comprare oggetti alla moda e abiti griffati) ma hanno commesso l’errore di essersi affidati a persone sbagliate finendo cosi’ nelle mani “di profittatori” che hanno sfruttato “il loro diritto di crescere in modo sano”. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.