TwitterFacebookGoogle+

bagni pubblici toilette starbucks

Contrordine: da Starbucks chiunque potrà utilizzare i bagni, non solo i clienti. La decisione è stata comunicata dal presidente della società, Howard Schultz, durante l’assemblea annuale degli azionisti e arriva in risposta alla bufera abbattutasi sulla catena Usa di caffetterie il mese scorso, quando due ragazzi di colore furono arrestati in uno dei suoi locali a Philadelphia per aver chiesto di utilizzare il bagno senza aver ordinato nulla.

“Chiediamo scusa alle due persone coinvolte e ai nostri clienti e siamo molti dispiaciuti che questo episodio abbia portato a un arresto“, aveva twittato il ceo Kevin Johnson dopo l’episodio, annunciando anche che “stiamo rivedendo le nostre procedure e ci stiamo impegnando con la comunità e il dipartimento di polizia per fare in modo che questo tipo di situazioni non capitino più, in nessuno dei nostri negozi”.

We apologize to the two individuals and our customers for what took place at our Philadelphia store on Thursday. pic.twitter.com/suUsytXHks

— Starbucks Coffee (@Starbucks) 14 aprile 2018

La mossa della catena di caffè degli Stati Uniti potrebbe però aprire la porta (letteralmente) ad altri problemi, tra cui la droga, la prostituzione e il problema dei senzatetto. A parte gli episodi di vandalismo – si legge sulla Bbc – i bagni pubblici necessitano di manutenzione costante per rimanere funzionali e puliti.  Ma allo stesso tempo per i senzatetto le strutture pubbliche sono spesso le uniche cui hanno accesso. Secondo le statistiche 2017 del National Alliance to End Homelessness, ci sono più di 500.000 senzatetto negli Stati Uniti, con il 34% che non trova (o non cerca) riparo nei ricoveri.

La normativa in Italia

E se il colosso Usa corre ai ripari, in Italia la situazione è ben diversa dove non è garantito alcun diritto all’utilizzo del bagno in bar e ristoranti, a meno di non aver consumato qualcosa. La normativa tutela solo colui che ha ordinato e pagato una consumazione.

Solo al “cliente” l’ art. 187 del Tulps (Testo unico delle leggi sulla Pubblica Sicurezza) riconosce il diritto ad avere un bagno messo a disposizione, gratuitamente, dal gestore dell’ esercizio. Secondo la norma, infatti, gli esercenti non possono, senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo. Il semplice “passante” che nulla acquista o consuma, invece, non potrà rivendicare alcun “diritto al bagno”, anche se affetto da serie patologie, a meno che l’esercente non sia particolarmente disponibile o comprensivo.

La disciplina ha però sollevato polemiche da più fronti: da un lato gli esercenti si difendono sottolineando le spese di varia natura (acqua, sapone, carta igienica) cui andrebbero incontro, dall’altro i rappresentanti del Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori) ritengono che un locale pubblico debba sempre mettere i bagni a disposizione di tutti.

La sentenza del TAR

Sul dibattuto tema è intervenuta una sentenza del Tribunale amministrativo regionale (TAR) della Toscana, n. 691 del 18/2/2010. Il giudice amministrativo è partito dal presupposto che il “pubblico esercizio è un’ attività economica, preordinato alla soddisfazione dei clienti, pertanto i servizi igienici sarebbero riservati solo a quest’ultimi”.

Ancora, prosegue il provvedimento, “è agevole ribattere che una cosa è l’attività di pulizia e manutenzione di un locale destinato ad uso bagno, se ne possono far uso un numero limitato ed in una certa misura preventivabile di persone, tutt’altra cosa è tale attività, se a poter fruire del locale destinato a bagno è la generalità del pubblico, cioè, all’occorrenza, masse di persone ingenti e non predeterminabili (si pensi ad es. agli afflussi di pubblico, formato non soltanto da turisti, in occasione di famose manifestazioni culturali e cerimonie”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.